”Nè mi dispiaccio quando i sondaggi sono negativi, nè mi inebrio quando sono positivi”. Lo ha detto il leader di Sel e presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, parlando con i giornalisti che gli chiedevano di commentare i dati dei sondaggi che lo danno in crescita

rispetto alla competizione delle primarie del centrosinistra. Vendola ne ha parlato oggi a Foggia a margine di un convegno – al quale partecipa il segretario generale della Cgil, Susanna Camusso – organizzato per ricordare la figura di Giuseppe Di Vittorio. ”I sondaggi – ha aggiunto il leader di Sel – non dicono un granche’, soprattutto io spero che veramente nelle primarie ci sia l’occasione di lanciare il tema del lavoro che non c’e’, del lavoro che c’e’ e che uno rischia di perdere, il lavoro precario, il lavoro sporco, di ritornare a riflettere su quelli che sono i fondamenti della nostra societa’, quale l’idea del lavoro, della educazione, della cura delle persone”.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

quindici − undici =