Giovanni Vantaggiato, reo confesso dell’attentato alla scuola Morvillo di Brindisi in cui il 19 maggio perse la vita la studentessa quindicenne Melissa Bassi, e’ stato trasferito nel carcere di Bari per motivi di salute.

Il nulla osta al trasferimento e’ stato firmato nel primo pomeriggio dal gip di Lecce, Ines Casciaro, a cui la direzione del carcere di Lecce (in cui l’imprenditore 68enne di Copertino era detenuto in isolamento dal 6 giugno) aveva inoltrato richiesta di nulla osta per ricovero in struttura specialistica.
Nei giorni scorsi, la direzione sanitaria del carcere di Lecce, dopo aver valutato i risultati delle recenti analisi del sangue effettuate dall’imprenditore e considerato l’evidente stato di deperimento non giustificato da un’alimentazione continua e corretta, ha ritenuto che l’uomo debba essere sottoposto ad ulteriori accertamenti, per cui, dopo aver ottenuto il nulla osta del gip, e’ stato scelto di condurre Vantaggiato nel carcere di Bari, dove esiste un Centro diagnostico terapeutico, nel quale potra’ essere sottoposto a tutti i necessari esami specialistici. L’imprenditore e’ accusato di strage aggravata dalla finalita’ terroristica e costruzione, possesso ed esplosione di ordigno micidiale per l’attentato di Brindisi e di tentato omicidio pluriaggravato per l’esplosione della bomba sotto casa dell’imprenditore Cosimo Parato il 24 febbraio 2008. Il processo a suo carico iniziera’ il 17 gennaio davanti alla Corte d’assise di Brindisi.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

17 − 15 =