Sono stati concessi i domiciliari a tutti e tre cittadini bengalesi arrestati l’estate scorsa con l’accusa di aver cercato di rapire, a San Foca, due bambini di 11 e 12 anni. Lo ha deciso ieri il gip Antonia Martalò, su richiesta del difensore Luigi Rella.

Si sarebbero infatti attenuate le esigenze cautelari che avevano motivato, il 22 luglio scorso, l’arresto in carcere. I tre indagati non sarebbero stati riconosciuti dalle presunte vittime, nel corso dell’incidente probatorio che si è tenuto il mese scorso. Solo uno dei piccoli avrebbe riconosciuto uno dei presunti rapitori, che continuano a respingere ogni accusa.

Secondo l’accusa il modus operandi dei tre indagati sarebbe stato lo stesso in entrambi gli episodi. Avrebbero cercato di adescare i due piccoli, avvicinandoli con un furgone e chiedendo loro se avessero bisogno di un passaggio a casa. In entrambi i casi i piccini non solo avrebbero respinto la richiesta, ma avrebbero anche annotato la targa, incastrando i tre bengalesi.

CONDIVIDI