“Beatrice Rana: è nata una stella. Durante tutto il suo recital ha dimostrato energia, coerenza, raffinatezza ed un’enorme gamma sonora. Una vera personalità, che ricorda la Argerich ai suoi debutti.”

E’ con questa frase che “La Scena Musicale”, autorevole rivista di cultura musicale canadese, ha presentato Beatrice Rana, pianista salentina, come vincitrice del Concorso Musicale Internazionale di Montréal all’indomani della finale nel giugno del 2011.
Nello stesso concorso Beatrice ha vinto anche tutti i premi speciali: premio del pubblico, premio per la migliore esecuzione del brano contemporaneo di autore canadese e premio per lo sviluppo della carriera che le ha permesso di debuttare in campo internazionale con una produzione discografica.
Il cd, registrato lo scorso Aprile a Charlevoix, per Atma Classic, etichetta canadese distribuita in tutto il mondo, è da qualche giorno disponibile presso la Libreria Feltrinelli di Lecce.
La rivista francese Diapason, nel mese di Dicembre, lo ha indicato come “scelta discografica del mese” ed è stato presentato  in numerose emittenti internazionali come RaiRadio3, Radio France, ORF Radio Osterreich in Austria, Radio-Canada, DR Forside in Danimarca e Radio Classic.
Il prossimo 28 dicembre, alle ore 20, il cd sarà presentato al pubblico leccese presso la Feltrinelli Point di via Cavallotti e la serata sarà moderata dalla brillante giornalista e scrittrice Luisa Ruggio.

Nel giugno 2011, Beatrice Rana si è aggiudica a soli 18 anni il Primo Premio al Concorso Musicale Internazionale di Montréal, diventando così la più giovane pianista, nonché prima vincitrice italiana nella storia del concorso.
Questa stagione ha visto il debutto di Beatrice con numerose orchestre come l’Orchestra Internazionale d’Italia, la Südwestdeutsche Orchester o la Aarhus Symfonieorkester. Sarà ospite nella prossima stagione dell’Orchestre Symphonique de Québec, delle Orchestre Sinfoniche di Edmonton, Saskatoon, Winnipeg, della Sinfonia Varsovia, dell’Orchestre Philarmonique di Kuala Lampur, dei Violons du Roy e dell’Orchestre Métropolitain di Montréal con direttori come Yannick Nézet-Seguin, Bernard Labadie, Theodor Guschlbauer.
A soli 19 anni, Beatrice si esibisce presso le più importanti serie di concerti come la Tonhalle di Zurigo, la serie Pro Musica di Montréal, la Società dei Concerti di Milano, la Vancouver Recital Society, o in Festivals come il Festival Berlioz della Côte Saint-André, la Roque d’Anthéron, il Festival Radio-France de Montpellier, la Folle Journée de Nantes, les Flåneries de Reims, il Festival de Lanaudière in Québec.
Nata in una famiglia di musicisti, Beatrice Rana ha iniziato i suoi studi musicali a quattro anni e si è diplomata all’età di sedici anni con lode e menzione d’onore sotto la guida di Benedetto Lupo. Da ottobre 2011 Beatrice vive ad Hannover dove frequenta l’Hochschule  für Musik, Theather und Medien nella classe di Arie Vardi ed è supportata dalla borsa di studio DAAD.
Da oltre sei anni affianca agli studi pianistici quelli di Composizione nel Conservatorio “Tito Schipa” di Lecce sotto la guida di Giuseppe Gigante.

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.