Ha dato in escandescenza nel pronto soccorso del “Vito Fazzi” di Lecce. Si era recato lì per un semplice taglio sulla mano, ma qualcosa, probabilmente l’attesa, gli ha fatto perdere il lume della ragione.

Un meccanico in pensione 68enne di Taurisano, che aveva già avuto in passato problemi con la giustizia, è arrivato a tirare calci su muri e porte, e ad impedire lo svolgimento del lavoro degli impiegati del posto fisso.

Vano è stato ogni tentativo di fermarlo. Ora però si è beccato una denuncia per interruzione di pubblico servizio.

Dell’episodio è stato avvisato anche il magistrato di turno, il sostituto procuratore Stefania Mininni.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

diciannove − sedici =