Ultima seduta del 2012 per il Consiglio provinciale, riunitosi in seduta straordinaria questa mattina a Palazzo dei Celestini a Lecce. Tra i punti all’ordine del giorno, discusso l’aggiornamento del Regolamento relativo al rilascio di autorizzazioni ex art. 23 del vigente Nuovo Codice della Strada. Il presidente della Provincia di Lecce Antonio Gabellone ha ripercorso l’iter amministrativo “di una vicenda estremamente spinosa, sui cui la Provincia dopo decenni ha inteso scrivere una parola di chiarezza: una materia delicata, finalmente regolamentata dall’abusivismo e dall’assenza di regole chiare che caratterizzavano il settore e che, di fatto, mettevano a serio rischio la sicurezza centinaia di tratti stradali della provincia, con enormi rischi per l’incolumità di migliaia di salentini”

 

“L’adozione del Regolamento – ha proseguito Gabellone – è per questo un punto di svolta su di un tema lungamente dibattuto con le associazioni di categoria ed i rappresentanti delle singole imprese, che si sono visti prorogare i termini per la regolamentazione definitiva sino al 31 gennaio prossimo, data entro la quale tutti gli impianti di cartellonistica presenti sul territorio dovranno essere conformi alle esigenze di sicurezza stradale”. Il Regolamento è stato approvato con 20 voti della maggioranza di centrodestra, senza alcun voto contrario e con 3 astenuti dell’opposizione.

Discussa, inoltre, l’interrogazione presentata dal gruppo consiliare Pd (primo firmatario Cosimo Durante) in merito alla sicurezza della strada provinciale n. 115 Nardò-Leverano. A rispondere l’assessore provinciale ai Lavori pubblici Massimo Como. “La Nardò-Leverano è una delle strade più trafficate della provincia e una delle più lunghe; i problemi che ricadono su questa arteria sono molteplici, in particolare il fenomeno delle esondazioni del canale Asso, soprattutto nel periodo invernale. Soltanto quando saranno completati i lavori che interessano l’Asso la situazione su questa arteria potrà migliorare in maniera definitiva”.

“Sin dal nostro insediamento la messa in sicurezza della Nardò-Leverano é stata una delle prime emergenze affrontate: per il 2012 abbiamo impegnato somme per 1 milione e 900 mila euro, da utilizzare nel 2013. Il tutto nonostante i continui e ingenti tagli di finanziamenti da parte del Governo nazionale”, ha proseguito Como.

“I lavori interesseranno un tratto stradale di circa 1,5 km per intervenire su quelle che sono le maggiori problematiche: si tratta di un primo intervento che, nell’arco di 3/4 anni e con una spesa di circa 6 milioni di euro, potrebbe risultare quello definitivo, con l’installazione di barriere protettive. Nella programmazione dei Lavori pubblici 2013 la giunta provinciale continuerà a dare un ulteriore segnale intervenendo su questa arteria anche se, torno a ripetere, i tagli governativi in materia anche di edilizia stradale sono davvero pesanti”, ha concluso l’assessore.

 

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

sedici + 18 =