Gli incontri proporranno all’ascolto del pubblico composizioni tra le più significative del XVIII secolo, collocate nel loro contesto culturale e storico-artistico per una più proficua fruizione da parte degli spettatori. A tale attività più strettamente musicale si unisce una serie di incontri dedicati al teatro, all’arte, alla storia, al costume sociale.

Il Festival del XVIII Secolo si sviluppa in due periodi: primavera, che si è realizzata da marzo a giugno  scorsi, e autunno, che ha preso l’avvio il 14 ottobre per concludersi a dicembre e si articola principalmente nelle città di Roma, Treviso, Lecce, Brindisi, Perugia ed in altre località decentrate nazionali e salentine per un totale di cinquanta manifestazioni.

Marco Spina

Diplomatosi  presso il Conservatorio “T. Schipa” di Lecce, sotto la guida del Maestro Fulvio Panico, con 110  lode e la Menzione d’onore, ha proseguito gli studi di percussioni e marimba in Austria con Ulrike Stadler ( Graz), Erwin Bieber (Vienna) e in Francia con Emmanuel Sejourne (Strasburgo).

Da solista  ha vinto il Primo Premio  in numerosi concorsi internazionali, i più importanti: “Lams” città di Matera (  2 anni consecutivi), premio Nazionale delle Arti 2009 (Cuneo/Roma);

Concorso Musicale Europeo Paolo Serrao, città di Filadelfia (Vibo Valentia) e  il terzo premio al “ THE 1th WORLD MARIMBA COMPETITION” svoltosi a Cordoba in Spagna 2011.

Collabora con i Wood Drops Percussion Ensemble, diretto dal M° Filippo Lattanzi,

portando in scena opere di notevole spessore musicale e complessità interpretativa di rinomati musicisti, tra cui Steve Reich, Richard Rodney Bennett, Luciano Berio, Franco Donatoni, Jean Pierre Drouet, Joseph Schwantner, Toru Takemitsu, Andrew Thomas,Jonh Cage, James Wood.

Attualmente oltre ad insegnare nei corsi pre-accademici presso il Conservatorio di Lecce/Ceglie, si specializza alla marimba con il M° Filippo  e alle percussioni con  il M° Edoardo Giachino presso l’Accademia Santa Cecilia di Roma.

Il suo repertorio comprende brani di: J.S.Bach,  C.Debussy, E. Sejournè, E. Sammut, N.J. Zivkovic, K. Abe, D. Milhaud, L.H. Steavens, I. Xenakis  K. Miyake, J.Schwantner, A. Thomas, Anna Ignatowiz, John Cage,etc.

Michele Visaggi

Ha conseguito il diploma in Clavicembalo col massimo dei voti presso il Conservatorio “Niccolò Piccinni” di Bari, dopo aver brillantemente concluso gli studi pianistici. Ha poi conseguito il diploma sperimentale di “Clavicembalo e basso continuo” presso il Conservatorio “Verdi” di Como e il diploma di “Musica Corale e Direzione di Coro” presso il Conservatorio “Piccinni” di Bari.
Si è formato alla scuola di Marina Scaioli, Paola Nicoli Aldini, Emilia Fadini, Danilo Costantini, Andrea Coen, facendosi apprezzare per il temperamento artistico e il rigore interpretativo.
Studioso della prassi esecutiva sugli antichi strumenti a tastiera, ha modo di proporre le proprie interpretazioni anche su un clavicembalo rinascimentale autentico di scuola napoletana, sapientemente restaurato da Augusto Bonza, nel pieno rispetto dell’integrità strutturale, tale da renderlo uno degli strumenti più pregevoli sopravvissuti della cosiddetta “Scuola dell’acero”, per la bellezza del suono e l’originalità filologica. Svolge concerti in Italia, Israele, America, Tunisia, Turchia, Polonia, Germania, invitato a prestigiosi festival di rilievo internazionale.

Il Festival del XVIII Secolo sostiene la candidatura di Lecce Capitale della Cultura 2019

Ingresso libero fino ad esaurimento dei posti disponibili

Info: 347 6350303/ 349 8422913

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

5 + 11 =