La Guardia di Finanza di Gallipoli ha eseguito una verifica fiscale nei confronti di un’attività per la vendita al dettaglio di combustibili di Galatina, cessata nel 2008, che non presentando le dichiarazioni fiscali nel 2007 e 2008, ha sottratto a tassazione ricavi per 2.678.587 euro ed omesso il versamento di 529mila euro di Iva.

I finanzieri hanno anche accertato l’omessa tenuta di alcune scritture contabili obbligatorie, allo scopo di non permettere la ricostruzione del reddito non dichiarato ed effettivamente prodotto.
Gli investigatori hanno scoperto che alla morte del titolare della ditta, avvenuta nel 2008, sono subentrati i nipoti, in qualità di eredi con beneficio di inventario che pur rinunciando in epoca successiva al lascito ereditario, avevano comunque l’obbligo di presentare ai competenti uffici finanziari le prescritte dichiarazioni relative agli anni di imposta 2007 e 2008, nonché di iscrivere la ditta verificata alla Camera di Commercio, Industria, Agricoltura ed Artigianato di Lecce.

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

due × 5 =