Giocava a fare il cecchino dal balcone della sua abitazione: indossando una tuta mimetica ed imbracciando un fucile a pallini, aveva iniziato a prendere di mira le bancarelle dei commercianti ambulanti di via Giovanni XXIII, a Lecce. Ma il giovane è stato individuato e denunciato.

 

Tutto è accaduto ieri mattina, quando intorno alle 13.30 la polizia è stata allertata che qualcuno stava esplodendo alcuni colpi d’arma da fuoco contro le bancarelle del mercato settimanale.
Giunti sul posto, gli agenti, grazie alle dichiarazioni di alcuni testimoni, hanno individuato lo stabile, in piazzale Genova, dal quale provenivano i colpi di fucile. Costeggiato il condominio, gli operatori del reparto prevenzione crimine sono stati attirati da un balconcino posto proprio al primo piano, come avevano indicato anche i commercianti presi di mira. Dietro alla vetrata del balcone, inoltre, gli agenti hanno notato l’ombra di un giovane dai capelli biondi che, vestito con tuta mimetica, stava armeggiando vicino ad un armadio. E così hanno deciso di bussare alla porta della sua abitazione.
I genitori del ragazzo, un 17 enne leccese, quando si sono trovati davanti gli agenti di polizia hanno subito intuito quale fosse il motivo della loro “visita” e così hanno consegnato spontaneamente un fucile giocattolo del tipo “Evolution Air Soft Combat”, completo di serbatoio a pallini di ceramica.
Il giovane cecchino, invece, che si era divertito a sparare 19 colpi sulle bancarelle del mercato, è stato denunciato in stato di libertà per esplosioni pericolose, mentre il fucile giocattolo sequestrato.