Alla vigilia delle feste la città inizia a vestirsi dei colori del Natale e a profumarsi dei sapori e degli odori tradizionali e si scalda con luci e addobbi in ogni dove. Ma questo clima di festa si raggela al pensiero della dura crisi che ha messo in ginocchio migliaia di famiglie e mai come quest’anno, forse, la vetrina del negozio “si guarda, ma non si tocca”!

Adoc stima a Lecce una contrazione degli acquisti tra il 5 e il 15% rispetto al già povero Natale 2011. Secondo una stima Coldiretti stiamo tornando ad una economia “di guerra”, con meno acquisti di carne (-5,5%), ma più uova (+5,3%) e caffè macinato (+3,3%) ed è corsa all’acquisto di farina (+8,3%). Torna il “fai da te”, i dolci e le colazioni preparate in casa. E’ un segnale preoccupante, ma anche una occasione per riflettere sugli eccessi consumistici e approfittarne per avvicinarsi ad uno stile di consumo più “virtuoso”.
L’invito ai consumatori è, quindi, quello di approcciarsi ad un Natale eco-sostenibile con benefici per l’ambiente e per il portafoglio, da vivere programmando con cautela i propri acquisti, in modo da evitare gli ogni spreco e anche per contenere la produzione di rifiuti, specie nel campo alimentare.
E’ infatti il momento giusto per cominciare a vivere le feste all’insegna della semplicità e della sobrietà che lo dovrebbero caratterizzare, riscoprendo, attraverso i vecchi insegnamenti, quelle tradizioni che nel tempo vanno perdendosi, ma che la crisi ha fatto tornare “di moda”.
Perché non vivere la magia del Natale insegnando ai propri figli cosa sono e come preparare i purcceddhruzzi e le ncarteddhrate o raccontare loro come si facevano un tempo le calze per la befana, con carbone, mandorle ricce e castagne secche? Come preparare le semplici caramelle partendo da un po’ di zucchero?
Adoc ha pensato di organizzare dei momenti di incontro, anche con i più piccoli, per riflettere su questi temi, durante i quali le nonne, i figli ed i nipoti si possono ritrovare socialità e ricordare, magari sorseggiando un te, come si vivevano un tempo le feste, all’insegna della genuinità e della semplicità della tradizione.
Forse tutto questo non risolverà la situazione critica del nostro Paese, ma allieterà i cuori di molti, arricchirà le menti dei più piccoli e i nonni, che conservano ancora i preziosi segreti del passato, potranno raccontare la loro esperienza dei Natali in tempi di crisi.
Adoc invita i cittadini a partecipare a questi incontri, che saranno segnalati di volta in volta e saranno ospitati in luoghi significativi rispetto ad un certo stile di consumo.
Il primo incontro sarà presso la bottega “Mele 1912”, sita  in via G. Papatodero, 38 nei pressi di Piazza Partigiani, per il prossimo sabato 08.12.12 dalle ore 17,30 alle ore 19,30 durante il quale si racconteranno i segreti e gli aneddoti dei famosi pucceddhruzzi e delle famose ncarteddhrate te Natale e saranno distribuite le ricette tradizionali e offerti consigli per la preparazione dai più esperti.
L’Adoc di Lecce è in via P. Palumbo, 2 a Lecce, per info: lecce@adocpuglia.it, tel. 0832.246667 e fax 0832.246665.