Approda in Parlamento anche il caso Intini degli operatori addetti alle pulizie presso gli istituti scolastici salentini. Accolta con entusiasmo dalla segreteria generale Filcams di Lecce, la nota dell’onorevole Teresa Bellanova che coinvolge il Ministro dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca, nella vicenda che interessa i 368 lavoratori del Gruppo Intini

I disagi dei lavoratori, manifestati più volte presso le istituzioni locali, riguardano continui ritardi nel pagamento degli stipendi mensili che mettono in affanno le famiglie. Attualmente, nonostante le continue richieste delle Organizzazioni sindacali all’azienda ad esser puntuali, non sono state corrisposte le mensilità di ottobre e novembre 2012.

“Trattandosi di appalti pubblici – chiede la parlamentare salentina – sarebbe utile che il Ministero in oggetto vigilasse sulle situazioni come quella rappresentata poiché è ingiusto che nella puntualità della corresponsione da parte del Ministero delle fatture ai singoli Consorzi, non corrisponda poi la puntualità degli stessi negli emolumenti mensili da versare ai lavoratori interessati; se il Ministro interrogato vista la situazione sopra esposta non ritenga urgente acclarare questa situazione attivandosi  presso il Consorzio Miles e la azienda Intini Source col fine di evitare ulteriori disagi economico e sociali ai lavoratori interessati”.

“Noi continueremo a lottare – ha dichiarato il segretario generale della Filcams, Valentina Fragassi –  affinché queste persone che, nonostante le difficoltà, quotidianamente garantiscono il servizio di pulizie nelle nostre scuole, abbiano il sacrosanto diritto di viverdignitosamente, sapendo che in questa battaglia avremo accanto, come in altre occasioni, il supporto di Teresa Bellanova e per questo sentiamo di ringraziarla”.

CONDIVIDI