I nuovi poveri sono anche a Lecce. Persone che all’improvviso si ritrovano sfrattate e senza la possibilità di una fissa dimora sono cronaca quotidiana. E’ il caso segnalato dal consigliere comunale Pd, Antonio Rotundo sui signori Buffolino, da oltre un mese marito e moglie vivono “in condizioni disumane

, basta pensare al freddo e alle intemperie di questi giorni, in un furgone in via Surbo, dove sono depositate altresì mobili e suppellettili, in seguito allo sfratto per morosità eseguito dal privato,e che i tre figli si trovano presso alcuni parenti che li hanno ospitati” scrive Rotundo in una nota.”Dalla stampa si è appreso che la predetta famiglia sarebbe stata assegnataria di alloggio popolare in Via Pistoia e che quest’ultima abitazione sarebbe stata occupata abusivamente –continua il consigliere che chiede al sindaco – “di conoscere quali iniziative urgenti l’amministrazione comunale intenda adottare per dare una soluzione dignitosa alla drammatica situazione sopra rappresentata; di avere informazioni precise circa l’avvenuta assegnazione al nucleo familiare del Signor Buffolino di un alloggio comunale in Via Pistoia e delle reali motivazioni per le quali lo stesso sia stato mandato via e se risulta veritiera la circostanza secondo cui l’alloggio in questione sia stato occupato abusivamente”.

 

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

due × tre =