Riprende l’intreccio gotico di Hoffman lo spettacolo messo in scena dal Balletto del Sud di Fredy Franzutti ispirato al racconto “Il principe Schiaccianoci ed il Re dei topi” e si carica di scenografie visionarie mutuate dai film del regista Tim Burton, con un impianto drammaturgico tutto nuovo con sontuose scene e spettacolari costumi.

 

Il debutto è lontano di quindici anni, il 13 dicembre 1997, a significare il connubio indissolubile tra l’Orchestra Ico Tito Schipa e il Balletto del Sud di Franzutti.

Il classico natalizio “Lo schiaccianoci” abbandona il suo aspetto edulcorato e cede a quel gusto orrorifico con chiave di lettura infantile, quella della fantasia, in una caricatura della paura di cui Burton è eccelso maestro.

Lo spettacolo di Fredy Franzutti, coreografo tra i più apprezzati nel panorama nazionale, racconta con efficacia il sogno di Clara, la battaglia dei topi, il viaggio fantastico, con le splendide musiche di Cajkovskij, che si animano con le scene di festa sotto l’albero di Natale.

Inevitabile ripensare alle serate dicembrine alla luce dell’albero di Natale, al clima familiare e alla trepidante attesa della vigilia negli anni dell’infanzia, sentimenti condivisi da tutti, rintracciabili nella atmosfere dello “Schiaccianoci”.

Ultimo appuntamento con l’Orchestra Tito Schipa per il Maestro Marcello Panni, che nella conferenza stampa di presentazione dello spettacolo di oggi, racconta dell’eccezionalità del lavoro per la preparazione di uno spettacolo che fa coesistere l’arte musicale a quella della danza.

Interpreti d’eccezione dello spettacolo sono i ballerini del Balletto del Sud, una solida realtà internazionale che colleziona successi nelle numerose tournée italiane ed europee. Nel ruolo di protagonisti la prima ballerina del Balletto del Sud Elena Marzano, Martha Petkova prima ballerina dell’Opera di Sofia ospite della compagnia, nel ruolo dello Schiaccianoci Alessandro De Ceglia (Balletto del Sud) e Nikola Hadjitanev (Opera di Sofia).

Il balletto di Franzutti è stato replicato negli anni al Teatro del Vittoriale degli Italiani (Casa di D’Annunzio) sul lago di Garda, al Teatro Coccia di Novara, presente per dodici giorni nei Teatri del Veneto delle Marche e della Puglia, e dopo il successo ottenuto chiude la tournée  al teatro Orfeo di Taranto nella stagione degli Amici della musica “Arcangelo Speranza”.

Gli spettacoli si terranno al Teatro Politeama Greco di Lecce nei giorni 14, 15 e 16 dicembre con l’orchestra “Tito Schipa” guidata da Marcello Panni, direttore artistico della stagione sinfonica. Seguirà poi una tournèe ricca di tante date –  Ivrea, Vicenza, Cormons, Trento –  che si concluderà il 29 e 30 dicembre al Teatro delle Celebrazioni di Bologna.

 

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

dodici + venti =