Anche il Comune di Gallipoli ha preso parte alla manifestazione organizzata dal Comune di Policoro contro le ipotesi di trivellazione nel mar Ionio da parte di compagnie petrolifere.

L’evento, che ha visto una nutrita partecipazione di associazioni, studenti, cittadini ed istituzioni dei comuni costieri lucani, pugliesi e calabresi, si è svolto in due momenti principali: il primo, con un corteo che ha attraversato gran parte della città terminando al Paraeraclea, dove – dopo gli interventi di studiosi, associazioni ed istituzioni – i rappresentanti provinciali, regionali e comunali intervenuti hanno sottoscritto un Protocollo di Intesa contro le trivellazioni, volto alla tutela del mar Ionio e basato su ogni contrarietà ad ipotesi non solo di trivellazione ma anche di studio e ricerca, indipendentemente dalle miglia dalla costa indicate nella richiesta da parte delle compagnie petrolifere. Il Comune di Gallipoli era rappresentato dal sindaco, Francesco Errico e dall’Assessore alla Tutela delle Acque, Felice Stasi. “L’Amministrazione Comunale – ha dichiarato il primo cittadino – sin dal primo momento ha voluto presenziare a questo evento, per far sentire con forza e determinazione la voce della nostra comunità, profondamente contraria ad ipotesi invasive nei confronti del nostro mare, che rappresenta un valore identitario prima ancora che una preziosa risorsa ambientale ed un importante strumento di valorizzazione economica e turistica. Il mar Ionio non si tocca, nė può essere considerato strumento di arricchimento o di profitto per pochi, a scapito di ogni logica ambientale e soprattutto affettiva per la nostra comunità cittadina”.

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

2 × due =