”Non sono interessato a passare con una lista centrista quando ho un partito di riferimento, non ho mai fatto cambi di casacca e non lo farò nemmeno questa volta; ma se si candida Monti e’ tutta un’altra storia…”.

A dichiararlo il deputato Pdl ed ex sottosegretario agli interni Alfredo Mantovano, intervenuto questa mattina ai microfoni di Radio Citta’ Futura. ”La candidatura di Monti cambierebbe totalmente il quadro, traccerebbe la linea di confine, dando veramente un senso diverso alle elezioni. Un invito, quello al Presidente Monti, ribadito proprio ieri mattina nel corso della manifestazione Italia Popolare al Teatro Olimpico: per porsi alla guida di uno schieramento ampio moderato e per rendere effettiva la competizione della sinistra”, ha spiegato Mantovano. ”Ho portato il saluto alla manifestazione organizzata da Giorgia Meloni e Guido Crosetto e poi siamo tornati alla nostra ha detto Mantovano che interpellato sulla mancata organizzazione delle primarie del centrodestra previste proprio per la giornata di ieri, ha dichiarato ho sempre sostenuto la necessita’ per il Pdl di svolgere le primarie, per cui la considero un’ occasione mancata – e ha concluso – la circostanza dello sdoppiamento della manifestazione e’ la conferma in negativo che uno dei primi effetti e’ statala divisione, mentre in positivo che c’e’ ancora tanta voglia di partecipazione”.

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.