E’ stato un messaggio di ringraziamento e di speranza per il futuro, quello che ha lanciato oggi il Sindaco di Lecce Paolo Perrone in occasione dei consueti auguri natalizi. Ringraziamento perché a distanza di un anno che ha visto la sua vittoria alle amministrative dello scorso maggio, siede ancora sul seggio del Primo Cittadino.

“Non ero sicuro ci saremmo visti più qui lo scorso Natale, quello era un periodo con grandissimi dubbi. Poi però questo si è rivelato un anno buono nel quale sono stati premiati i nostri sforzi proprio dai cittadini”.
Una soddisfazione quindi che non ha celato il Sindaco, nonostante abbia poi continuato lamentando la difficile situazione generale. “Io sono convinto che questa città sia stata lasciata da sola, come le altre, a confrontarsi con questa crisi e con risorse che diminuiscono sempre più. Sono in tanti che chiedono lavoro e aiuto e la mia amarezza è quella di non poter rispondere come vorrei a queste richieste”.
Il Sindaco si riferisce chiaramente alla battaglia sull’IMU che in questi mesi ha interessato proprio la città di Lecce a causa della percentuale più bassa di ritorno nelle casse comunali; penalizzazione per altro avuta per un rovescio della medaglia: Lecce era un comune virtuoso con un’ICI tra le più basse d’Italia.
“Eppure – continua però il Sindaco con sicurezza – sono convinto che questa città abbia delle grandi opportunità per uscire fuori dalle difficoltà che altre comunità non hanno. Molte città basano la propria economia sulle industrie noi invece, abbiamo puntato sul settore terziario e sul turismo. Abbiamo poi l’esistenza di un’Università che nonostante le numerose polemiche ha grandi capacità di favorire lo sviluppo di talenti. Ci sono realtà come gli spin-off che portato a tante assunzioni di giovani.”
E’ speranzoso il Sindaco, insomma, che continua: “Sono tanti gli elementi che ci fanno pensare di potercela fare. Verrà chiesto chiaramente uno sforzo da parte di tutti, ciascuno di noi farà il proprio dovere fino in fondo”.
A tal proposito il Primo Cittadino ha voluto citare la questione della Lupiae Servizi, a cui recentemente si è giunti ad una temporanea soluzione. “Trecento dipendenti hanno fatto un sacrificio diminuendosi lo stipendio e le ore di lavoro per non costringere nessuno alla cassa integrazione a zero ore. Questo dimostra un senso di appartenenza ad una realtà dettata dal fatto che c’è l’intenzione di superare insieme questa situazione e di puntare alla crescita di un’intera comunità”.
Il Primo Cittadino ha infine ringraziato la stampa per il lavoro svolto, nonostante le critiche e le divergenze, sempre al servizio della comunità leccese. Infine, con un bicchiere di spumante ha dato gli auguri concludendo: “Ci aspetta un anno importante per tutta la cittadinanza! Buon Natale!”.

 

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.