Pedalare sembra essere la parola d’ordine degli ultimi anni e sempre più comuni in Puglia come nel resto d’Italia si stanno dotando delle giuste infrastrutture per agevolare ed incentivare l’uso del mezzo di trasporto ecologico per eccellenza, la bicicletta.

La regione Puglia con l’Assessorato alle Insfrastrutture a alla Mobilità, ha fatto il punto della situazione con il primo dossier dedicato al tema. “Comuni Bicicloni”, questo il nome, è stato presentato lo scorso 4 dicembre. Il rapporto , stilato da Legambiente Puglia in collaborazione con l’Anci Puglia, ha raccolto i dati relativi all’anno 2011. Ad ogni comune è stato inviato un “ciclo questionario, al quale hanno risposto 74 comuni su 258.
In base alle risposte sono state poi elaborate diverse classifiche attraverso cui è stato valutato ed analizzato l’attuale status dei Comuni e la loro capacità di soddisfare le esigenze dei ciclisti, intraprendere politiche incentivanti la mobilità sostenibile, e inserire dei programmi per aumentare la fruibilità dei percorso ciclistici da parte dei cittadini e dei turisti.
Dei 74 Comuni presi in esame, 4 si sono aggiudicati il titolo di “Comune Biciclone”. Di questi, due sono della provincia di Lecce. Stiamo parlando di Otranto, che ha ottenuto il titolo di “Medio Comune Biciclone”, e San Cassiano, eletto “Piccolo Comune Biciclone. Gli altri due sono Bitonto e il capoluogo Bari.
“Ci interessava capire quanto si sta facendo nei Comuni per mettere sulle due ruote i cittadini – ha spiegato l’assessore regionale alle infrastrutture e mobilità Guglielmo Minervini nel corso della presentazione alla stampa – Finora la Regione Puglia non era in possesso di dati. Adesso abbiamo messo un punto fermo, abbiamo costruito un primo database che integreremo nei prossimi anni. Questo primo rapporto ci restituisce una fotografia in chiaroscuro. Ci sono Comuni grandi e piccoli che ci stanno provando, che sono all’avanguardia in questo processo di trasformazione che parte dal basso, non passa solo dalle piste ciclabili ma anche dai cittadini che sempre più spesso scelgono la bicicletta.”
Insomma, c’è ancora tanto da fare e molto su cui lavorare, se pensiamo ad esempio che solo 11 Comuni in Puglia offrono un servizio di bikesharing, ma da questo primo rapporto si evince che la nostra regione è sulla buona strada per mettere in sella i suoi cittadini.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

5 × cinque =