Con lo svolgimento del Consiglio provinciale, si è chiuso ieri sera l’ultimo capitolo della storia del Comitato Provinciale di Lecce del CONI, così come è stato finora. Nell’ambito dell’Autoriforma voluta dall’Ente e della conseguente riorganizzazione territoriale, che ha comportato una modifica dello Statuto già approvata nel Consiglio Nazionale del 22 maggio scorso,

i Comitati scompaiono per far posto ad una Delegazione provinciale costituita esclusivamente da un Delegato che sarà il rappresentante del Coni sul territorio e a cui sarà attribuita la maggior parte delle competenze riguardanti l’organizzazione sportiva. Il Delegato provinciale sarà supportato dai fiduciari locali e dallo staff tecnico, mentre l’attuale sede del CONI resterà in comodato d’uso gratuito alle Federazioni ospitate.
Di questo si è parlato nel corso dell’ultimo Consiglio provinciale che si è svolto ieri pomeriggio e che ha preceduto la Cerimonia di consegna delle Stelle al Merito Sportivo e delle Medaglie al Valore Atletico. Un evento decisamente sottotono rispetto al passato, quando aveva invece rappresentato uno dei fiori all’occhiello della promozione sportiva, al pari dei Progetti Istituzionali come la Giornata Nazionale dello Sport, i Giochi della Gioventù, Giocosport. I premiati sono stati: Angelo Tornese (per la Federazione Italiana Medici sportivi) con la Stella d’Argento; Luigi De Donno (dell’Ente di promozione sportiva US-Acli), Paolo Rizzo (della Federazione Judo, Lotta, Karate e Arti Marziali), Tommaso Toma (della Federginnastica) e Cesare Vernole (della Federazione Atletica Leggera) con la Stella di Bronzo, assegnata anche all’Associazione Sportiva dilettantistica “Judo Club Olimpia” di Lizzanello, affiliata FIJLKAM. Il Coni di Lecce ha chiuso in bellezza potendo vantare anche una Stella d’Oro, ovvero quella assegnata ad Antonio Vasquez-Giuliano, delegato della Federcalcio di Lecce, che sarà consegnata dal CONI Regionale.
Dieci, invece, le Medaglie al Valore Atletico, attribuite d’ufficio dal Coni Nazionale in virtù dei risultati agonistici ottenuti negli anni sportivi 2009 e 2010. La più preziosa, quella d’Argento, è stata assegnata ad Alessandro Tavola, 2° classificato nel Campionato Mondiale 2010 di Pesca Sportiva e Attività Subacquee, specialità Surf Casting maschile a squadre. Stelle di bronzo, invece, per Francesco Deta, campione italiano 2009 di Pesca Sportiva e Attività Subacquee nella specialità del Light Casting; per Angelo Epifani, Ubaldo Macrì e Giuseppe Negro, campioni italiani 2010 di Pesca Sportiva e Attività Subacquee nella specialità di Traina d’altura a squadre; per Federica Grassi, campionessa italiana 2009 di Tiro a Segno nella specialità della Carabina sportiva a terra 50m; per i gemelli Matteo e Paolo Ingrosso, campioni italiani 2010 di Pallavolo nella specialità di Beach Volley; per Giuseppe Lovecchio e Matja Stritof, campioni italiani 2009 di Handball.
Alla serata sono intervenuti il sindaco di Lecce Paolo Perrone, il presidente della Provincia Antonio Gabellone, oltre agli assessori Gaetano Messuti, Filomena D’Antini e Massimo Como.
Gradito ospite sportivo Camillo Placì, allenatore della Nazionale bulgara di Pallamano, omaggiato dal Coni Lecce con una targa in quanto “rappresentante esemplare dell’eccellenza dello sport salentino nel mondo”. Particolarmente commovente, infine, è stato il momento in cui il presidente Antonio Pascali ha consegnato alla famiglia una targa in ricordo di Gabriele Capoccia, “per anni componente della Giunta provinciale del CONI di Lecce e dirigente della Federazione Italia Pallacanestro, punto di riferimento per lo sport salentino. Leale, discreto, competente, sempre disponibile, ha dimostrato in ogni situazione grande spessore umano e doti non comuni di equilibrio e buon senso”. La cerimonia si è conclusa con un doveroso attestato di stima a Luigi Evangelista, presidente della Pro Patria, una delle ASD di calcio più longeve della provincia di Lecce.

 

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.