Presunti abusi all’interno di un’associazione culturale di Taviano. E la Procura ha deciso di vederci chiaro disponendo gli accertamenti di rito su tre ragazzini minori vittima delle morbose attenzioni compiute da un uomo del posto.

Il presunto molestatore risulta indagato con l’accusa di atti sessuali con minori e il magistrato inquirente, Stefania Mininni, ha disposto l’ascolto dei giovani, tutti all’apoca dei fatti, minori di dieci anni. La consulenza, affidata a due specialisti, uno psichiatra ed uno psicologo, inizierà il prossimo 5 febbraio. Tre gli episodi finiti sotto la lente d’ingrandimento: nel primo l’uomo si sarebbe denudato dinanzi ai giovani, in altre due circostanze, invece, si sarebbe fatto “toccare” dagli ospiti presenti nella struttura. Secondo quanto accertato da un’indagine ancora in fase embrionale, il presunto molestatore, una sorta di intrattenitore per i presenti, raggiungeva il circolo e in alcune pause studio avrebbe approfittato dei tre giovani studenti, uno dei quali assistito dall’avvocato Biagio Palamà. Le immediate dichiarazioni dei giovani sui presunti abusi subiti finiti solo a maggio dello scorso anno hanno consentito ai genitori dei piccoli di presentare un esposto in caserma e da lì il via all’indagine. Il presunto molestatore è assistito dall’avvocato Cosimo Portaccio.

 

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.