Dopo lo straordinario successo di Peppe Servillo e la Fondazione Tito Schipa di Lecce,  giovedì 17 gennaio alle ore 18.00 nuovo appuntamento a Koreja per Strade Maestre, con Franco Perrelli e il suo nuovo libro “Il padre e il figlio” Edizioni di Pagina.

Perrelli è ospite nell’ambito della rassegna Racconti dal Futuro Anteriore, per molti anni docente all’Accademia di Belle Arti di Lecce e ora docente di Discipline dello Spettacolo all’Università di Torino ed esperto di teatro e letterature nordiche.

Insieme all’autore ne discutono Ada Manfreda docente presso il Dipartimento di Scienze Pedagogiche Psicologiche e Didattiche dell’Università del Salento, Salvatore Colazzo docente di Pedagogia Sperimentale presso l’Università del Salento e Franco Ungaro co-direttore artistico dei Cantieri Teatrali Koreja.

Il libro: un importante attore italiano torna dall’Inghilterra, dove ha girato un film e apprende dal suo agente che dovrà accogliere in casa il figlio undicenne avuto da un rapporto occasionale con la maschera di un teatro e mai conosciuto. Un figlio mai visto, mai accettato.La madre del bambino è morta in circostanze misteriose e il piccolo non ha altri parenti. Comincia così il romanzo di Franco Perrelli. Nel corso di una progressiva e inquieta presa di coscienza delle linee della sua esistenza, l’attore si confronterà con il rimorso, la malattia e l’urgenza d’individuare la direzione del suo mestiere e della vita.

Quella di Marcello Magni, attore famoso e protagonista del racconto è una storia sanguinosa: sanguinosa non per l’efferatezza dei contenuti ma perché è in qualche modo la vicenda di una ferita. Un romanzo che riesce ad essere tante cose insieme ma è soprattutto un romanzo teatrale e un saggio sulla paternità: una modalità sorprendente e dolorosa di imparare la vita, di lasciare continuamente aperta in sé la possibilità dell’evento.

CONDIVIDI