Sabato 12 gennaio 2013 si terrà alle ore 17.00 presso il Palazzo della Cultura di Poggiardo l’inaugurazione dello Sportello SOS Sanità.
Lo Sportello al cui progetto concorrono l’Associazione SOS per la Vita, la ASL Lecce, il Consorzio per i Servizi Sociali dell’Ambito di Poggiardo e il Comune di Poggiardo svolgerà un importante ruolo di supporto nella erogazione di servizi,

prenotazione di esami e visite mediche, e funzioni di informazione sulle tematiche inerenti la sfera sociale, sanitaria e del mondo del volontariato.
Centralissima la posizione dello sportello che sarà ubicato al piano inferiore del Palazzo della Cultura in piazza Umberto I. All’inaugurazione prenderanno parte il Presidente provinciale di SOS per La Vita Onlus Rita Tarantino, il Presidente Onorario dell’Associazione Ilio Palmariggi, il dott. Oronzo Borgia responsabile dell’Associazione per Poggiardo e referente dello Sportello, il Presidente del Consorzio per i Servizi Sociali dell’Ambito e Sindaco di Poggiardo Giuseppe Colafati, il Direttore Generale della ASL Lecce Valdo Mellone, il Direttore del Presidio Ospedaliero Osvaldo Maiorano, il Direttore del Distretto Socio Sanitario di Poggiardo Virna Rizzelli, il Consigliere delegato alle Politiche Sociali del Comune di Poggiardo Tiziana Micello.

“Sono anzitutto felice – dichiara il Sindaco di Poggiardo Giuseppe Colafati – come Sindaco e Presidente del Consorzio per i Servizi Socilai, di avviare un servizio che sarà certamente di grande utilità ai cittadini. Lo sono anche perchè è il segno evidente di come il rapporto tra amministrazioni pubbliche e mondo del volontariato, quando improntato ad un sincero spirito di collaborazione, porti a rsultati importanti e, soprattutto, vantaggiosi per la collettività. Spirito di cui, mi preme dire, è stata sempre animata Rita Tarantino che per questo ringrazio sinceramente insieme ai tanti volontari dell’Associazione SOS per la vita”.
“Ci siamo resi conto – afferma la Presidente Provinciale di SOS per La Vita Onlus Rita Tarantino – che mancava informazione sui servizi offerti dall’Asl, soprattutto quelli già esistenti ma che nessuno conosce. È nato così il progetto “Informare e Prevenire”, attraverso il quale i cittadini possono partecipare alla politica dell’Asl, così come prevede anche la legge. Ad oggi esistono 21 sportelli con 1200 volontari che dopo quattro livelli di formazione sono ora in grado di fornire queste informazioni e prendere prenotazioni in una stanza fornita dal comune insieme a computer e telefoni Un progetto nato a Otranto e che si sta sviluppando anche fuori regione e con il quale i cittadini vengono finalmente visti dalle istituzioni come una risorsa e non più come un problema”.

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

19 + nove =