Prima hanno colpito a Galatina, poi si sono spostati verso Maglie. Due colpi nel giro di pochi minuti in provincia di Lecce. Sembrava essere andato tutto per il meglio ai banditi, ma sono stati intercettati dalla polizia. Durante l’inseguimento, sono andati a schiantarsi contro un albero: uno è finito in manette, gli altri due sono riusciti a fuggire.

I banditi sono entrati in azione intorno alle 17.30 a Galatina, ed hanno concesso il bis intorno alle 18.15 a Maglie. In entrambi i casi, nel mirino sono finite due farmacie.

A Galatina, due banditi, armati e travisati, hanno fatto irruzione nella farmacia “Licignano”, in via Giuseppina del Ponte, seminando il panico tra i presenti. Entrambi armati, si sono fatti strada verso il registratore di cassa.Tutto è accaduto intorno alle 17.30, nel centro del paese. I rapinatori sono giunti a bordo di una vecchia Fiat Uno, di colore verde scuro, che hanno parcheggiato nei pressi della farmacia. Dal veicolo sono scesi due malviventi che, armati di pistola e taglierino, sono entrati nell’attività. Forti delle armi, i due si sono fatti strada verso i registratore di cassa, svuotati del contenuto, il cui valore è in fase di quantificazione. Prima di andare via, i rapinatori hanno alleggerito anche gli avventori della farmacia.
Rapidi, i rapinatori hanno guadagnato l’uscita e sono risaliti a bordo dell’utilitaria, condotta da una terza persona, riuscendo a fare perdere le loro tracce. L’auto, dagli accertamenti eseguiti dai militari, risulta essere stata rubata nel brindisino, precisamente a Latiano.

Poco dopo, i rapinatori hanno replicato a Maglie, ai danni della farmacia “Pranzo”, in via Muro. Anche qui hanno messo in scena lo stesso copione, provvedendo a “ripulire” anche i clienti presenti che, terrorizzati, non hanno potuto fare altro che assecondare le richieste dei banditi. Secondo la descrizione che i testimoni hanno fornito agli investigatori, i rapinatori sarebbero giovani. Giovanissimi, ma anche sfortunati.

Durante la fuga, infatti, sono stati intercettati sulla 613 da due pattuglie della polizia della Questura di Lecce. Tra banditi e polizia è nato uno spericolato inseguimento lungo la statale, proseguito a velocità elevata anche nel centro abitato di Surbo. La fuga dei malviventi, braccati dalle Volanti, si è conclusa in via Tagliamento, quando l’auto dei rapinatori, dopo avere imboccato una stradina chiusa, si è schiantata contro un albero.

Gli occupati hanno cercato di fare perdere le loro tracce a piedi, fuggendo tra le campagne circostanti. Per uno dei banditi, un 17enne di Manduria, la fuga è terminata con un paio di manette: raggiunto dagli agenti, è stato fermato ed arrestato. I poliziotti hanno anche recuperato una pistola scacciacani e parte della refurtiva, tra cui documenti ed un portafogli. In auto sono stati sequestrati anche due passamontagna.

Nel frattempo, è caccia aperta ai complici del rapinatore, riusciti – almeno fino al momento – a fare perdere le loro tracce.

 

 

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

diciannove − dodici =