Un uomo di 43 anni di Squinzano stamattina ha creduto di aver trovato un cadavere nella sua abitazione estiva di Casalabate, a pochi chilometri da Lecce, ma l’intervento dei carabinieri ha permesso in breve tempo di scoprire che si trattava solo di uno scherzo.

Il finto cadavere, che calzava le scarpe del proprietario della casa e portava un suo cappello, si trovava nella vasca da bagno ed era coperto da un lenzuolo apparentemente intriso di sangue. Quando hanno sollevato il lenzuolo i militari hanno verificato che le macchie erano state fatte con salsa di pomodoro e che il fantoccio era stato realizzato con alcuni oggetti. Della presenza del corpo erano stati informati sia il pm di turno Antonio Negro, che il medico legale. I carabinieri indagano comunque nella vita del proprietario della villetta per capire se si sia trattato di uno scherzo di cattivo gusto o di un’intimidazione.