Lecce. Non era mai reperibile durante i controlli di polizia e più volte è stato visto andarsene in giro con una moto di grossa cilindrata, invece di starsene a casa, ristretto agli arresti domiciliari dopo un episodio di resistenza a pubblico ufficiale avvenuto nell’ottobre scorso.

Inoltre, si era fatto autorizzare ad andare al lavoro durante il giorno, cosa che però non ha mai fatto. Daniele De Matteis, ventinovenne di Lecce, ha più volte violato gli obblighi imposti dalla misura cautelare, utilizzando in maniera fraudolenta il permesso per recarsi al lavoro al solo scopo di incrementare la sua libertà di movimento. Pensava di agire indisturbato, invece i Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Lecce che, nel frattempo, hanno eseguito una serie di controlli, hanno informato  l’Autorità giudiziaria. Così, l’uomo è stato arrestato ed accompagnato nel carcere di Borgo San Nicola.