In seguito all’attività di verifica effettuata lo scorso lunedì sull’impianto filoviario della città di Lecce, la Commissione di Agibilità nominata dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha rilasciato il previsto nulla osta tecnico per l’apertura al pubblico servizio della linea 1, che, com’è noto, interessa l’intero

anello dei viali della circonvallazione interna (Stazione, Gallipoli, Marche, Alfieri, Rossini, Japigia, Leopardi, Foscolo, Calasso, Università, Gallipoli), percorsi in entrambi i sensi di marcia. Della Commissione, presieduta da Alessandro De Paola (Ustif Bari – Ministero dei Trasporti), fanno parte Luciana Zelli (Ministero dei Trasporti), Pierluigi De Lorenzis (Motorizzazione Civile – Ministero dei Trasporti), Silvano Cavaliere (Direttore di Esercizio Sgm) e Carlo De Matteis (Comune di Lecce).
All’attività di verifica ha presenziato anche l’assessore alla Mobilità e ai Trasporti del Comune di Lecce Luca Pasqualini.
Il servizio di linea autorizzato dalla Commissione inizierà da sabato 2 febbraio e comporterà la sostituzione degli autobus con filobus sulle linee 30 e 31.
“Sono molto soddisfatto – commenta l’assessore Luca Pasqualini – dell’esito della verifica della Commissione e quindi dell’avvio della linea; ci stiamo già attivando per la documentazione necessaria al pre-esercizio anche della linea 3, che ci consentirà di completare finalmente l’intera reta filoviaria”.
“Passo dopo passo – aggiunge  il presidente di Sgm, Mino Frasca – stiamo completando il complesso iter della filovia. Da sabato dunque i cittadini leccesi potranno usufruire del filobus anche per il fondamentale percorso della circonvallazione interna e mi auguro che al più presto possibile si possa mettere a disposizione la terza linea. Finalmente saremo in grado di dare ai leccesi un’opera viaria completa e moderna, che consente di non incidere negativamente sulla qualità dell’aria nel centro urbano”.
La stessa Commissione aveva già provveduto all’immissione in servizio di altri 3 filobus (portando a 11 su 12 il numero dei veicoli disponibili) e all’abilitazione alla guida per altri 15 agenti (portando a 27 il numero dei conducenti già in possesso del necessario attestato).

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

sei + 14 =