Spacciandosi per maresciallo dei Carabinieri, carpiva la fiducia delle vittime riuscendo a farsi ricaricare a credito la carta poste pay. Una truffa assolutamente geniale che lo vedeva agire senza muoversi da casa. Il finto carabiniere, un leccese di 30 anni, è finito nei guai.

Il leccese, residente in città, infatti, telefonava in tabaccheria e dichiarando di essere il maresciallo della locale caserma chiedeva al negoziante la cortesia di ricaricare la carta prepagata con la promessa di passare a pagare non appena finito di lavorare.
Ovviamente, a ricarica avvenuta, del carabiniere nessuna traccia. Con questa tecnica, in poche ore l’abile truffatore e’ riuscito a farsi ricaricare la poste pay da un tabaccaio correggese di oltre 1.500 euro senza mai mettere piedi a Correggio ma solo utilizzando il telefono. Il falso maresciallo con tre differenti telefonate e’ riuscito a ottenere tre ricariche sulla poste pay per complessivi 1.526 euro. Quando pero’ il commerciante si e’ presentato alla caserma dei Carabinieri di Correggio ha scoperto che quel maresciallo non esisteva. Tuttavia il ”vero” Maresciallo e’ riuscito a identificare il ”finto” maresciallo che e’ finito nei guai. Con l’accusa di truffa, sostituzione di persona e usurpazione di titoli i Carabinieri di Correggio hanno denunciato alla Procura reggiana un 30enne pregiudicato leccese che ora si trova nella condizione di non poter più ”usufruire” del provento della truffa in quanto i militari hanno chiesto ed ottenuto da Poste Italiane il blocco della Poste Pay incriminata con ancora del danaro che potra’ essere utilizzato per risarcire il tabaccaio reggiano. Sebbene il truffatore abbia utilizzato una poste pay che era riuscito ad a intestare ad un ignaro 50enne padovano, l’escamotage non gli ha permesso di garantirsi l’impunita’ grazie alle meticolose indagini dei carabinieri correggesi. I militari raccolta la denuncia del tabaccaio raggirato hanno subito verificato il successivo utilizzo della poste pay accertando che la stessa era stata usata presso un’oreficeria ed un mobilificio di Scafati per l’acquisto di beni per circa 500 euro. Dall’oreficeria salernitana i militari hanno acquisito i filmati che riprendevano il cliente nell’acquisto cosi’ come avveniva per il filmato del sistema di videosorveglianza del postamat, di un comune in provincia di Napoli, dove lo sconosciuto successivamente utilizzando la stessa poste pay ne ricaricava un’altra intestata ad una donna di Torre Annunziata. E grazie alle frequentazioni di quest’ultima i militari sono risaliti all’indagato, il 30enne leccese censito in banca dati anche per precedenti specifici. Il volto immortalato nella foto segnaletica in possesso dei carabinieri infatti e’ risultato essere lo steso dello sconosciuto immortalato nei filmati acquisiti dai carabinieri nell’oreficeria di Scafati e presso il postamat. Per il finto Maresciallo e’ scattata quindi la denuncia in ordine ai citati riferimenti violati con l’ulteriore amara sorpresa di vedersi impossibilitato a continuare ad utilizzare la poste pay contenente peraltro danaro in quanto bloccata dal ”vero” maresciallo che ora sta continuando ad indagare. Si vuole infatti verificare, come peraltro si sospetta alla luce delle movimentazioni registrate sulla poste pay, se l’uomo abbia commesso altre analoghe truffe non a caso ribattezzate ”truffe del finto maresciallo”

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

cinque × 1 =