Nessuna corruzione nell’ambito della realizzazione del parco commerciale di Cavallino. In tre sono stati assolti perchè il fatto non sussiste. Si tratta dell’imprenditore Tommaso Ricchiuto, 67 anni, di Lecce, dell’ex sindaco di Cavallino Gaetano Gorgoni e dell’ex vicesindaco di Cavallino Ennio Cioffi.

Secondo l’accusa Gorgoni e Cioffi avrebbero rilasciato un’illegittima autorizzazione amministrativa all’apertura del parco commerciale in favore della società Gs e di Ricchiuto, ottenendo in cambio la promessa di assunzioni di personale da loro indicato. Ma l’ipotesi è risultata infondata.

Per i giudici il processo si sarebbe basato sull’erroneo presupposto che le autorizzazioni amministrative rilasciate al Ricchiuto dal comune di Cavallino per l’apertura del centro commerciale in questione fossero atti illegittimi.

Gli imputati erano assistiti dagli avvocati Gaetano De Mauro, Luigi Rella ed Angelo Pallara.

Alberto Capraro

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

13 − uno =