Notte di tentati furti in provincia di Lecce. I ladri hanno tentato di visitare nuovamente il negozio di scarpe “Step by Step”, dopo il colpo fallito lo scorso 11 gennaio. Anche in questa circostanza, tuttavia, i malviventi si sono dovuti allontanare a mani vuote. Altri banditi, invece, avevano già ammassato centinaia di metri di cavi, appena asportati, ma sono fuggiti con un pugno di mosche.

Per entrare, questa volta, hanno abbattuto il muro posteriore del negozio, ma l’allarme, scattato una volta che i ladri sono entrati nell’esercizio commerciale, li ha costretti alla fuga a mani vuote, prima dell’arrivo della vigilanza e della polizia.
È il secondo tentato furto ai danni del noto negozio di calzature: lo scorso 11 gennaio, infatti, alcuni banditi erano riusciti ad accedere nel negozio, oscurando anche i sensori d’allarme con della carta stagnola. Ma anche in quella circostanza, i ladri erano stati costretti alla rapida fuga.
Continuano, intanto, i furti di cavi elettrici dalle campagne del Salento. Nella notte, alcuni malviventi hanno agito lungo la strada Lecce-Torre Chianca, tra il canile “Lovely” e l’ex deposito giudiziario “Matarrelli”.
Una guardia giurata, impegnata in un giro di ricognizione, notando movimenti strani vicino ai pali della telefonia fissa Telecom, ha allertato il 113. La zona è stata successivamente raggiunta dagli agenti delle volanti, ma all’arrivo dei poliziotti i ladri erano già andati via. Tuttavia, hanno dimenticato una sega a mano, una grossa tronchese ed altro materiale, tra cui anche circa un chilometro di cavi elettrici già ammassati, ora posto sotto sequestro. È probabile che i malviventi, notando l’arrivo della polizia, abbiano preferito battere la ritirata, per non finire nei guai.
Su entrambi gli episodi indagano gli agenti delle Volanti.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

13 − otto =