Sono stati sorpresi, all’alba di oggi, dai Carabinieri mentre uscivano dai cancelli dello stabilimento di mobili “Mobil Sud”con la refurtiva, sei quintali di ferro in barre destinato alla realizzazione di saracinesche. Per questo motivo sono stati arrestati Martignano Andrea, 35enne di Nardò, Zambonini Antonio

, 46enne, e Renna Gianluca, 37enne, entrambi di Galatone,accusati di furto aggravato e continuato commesso in concorso. I fatti sono accaduti la notte scorsa tra Neviano e Seclì nella zona di Largo Stazione. I tre avevano manomesso la recinzione forzato il cancello e una porta del mobilificio con attrezzi atti allo scasso. I militari hanno intercettato appena fuori dal cancello del mobilificio i tre a bordo di un furgone cassonato, al cui interno c’erano i sei quintali di ferro. gli arrestati, in tarda mattinata odierna, sono stati trasferiti presso il Tribunale di Lecce per rito direttissimo e quindi associati alle loro abitazioni in regime di arresti domiciliari.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

quattro × 2 =