Rapina impropria ai danni di un commerciante di Corsano: questa è l’accusa che ha fatto scattare le manette ai polsi di tre persone di Casarano, Giovanni Battista Valentino, 37enne, Anna Rita Iacobazzi, 34enne, e Gianna Caraccio, 28enne, tutti di Casarano, già noti alle forze dell’ordine.

L’episodio, stando alla ricostruzione dei carabinieri di Alessano, è iniziato intorno alle 17:00 di ieri, quando i tre, a bordo del camion del 37enne, sono stati visti mentre uscivano da un capannone della zona industriale di Corsano, dopo aver caricato materiale in alluminio per un valore di oltre tremila euro.
Chi li ha visti? Un parente del proprietario del capannone, che insospettitosi, ha subito chiamato il titolare dell’impresa, il quale si è messo immediatamente in macchina ed ha chiamato il 112.

Le ricerche del camion sono state diramate a tutte le pattuglie in servizio esterno. Trascorsi pochi minuti il proprietario del capannone ha contattato di nuovo la Centrale Operativa dei Carabinieri di Tricase riferendo di aver notato il camion ricercato che giungeva ad Alessano. I militari di quella Stazione Carabinieri sono stati subito allertati ed in pochi istanti hanno individuato il pesante automezzo fermo al margine della strada.

Accanto al camion vi era tutto il materiale in alluminio sottratto nella zona industriale di Corsano mentre dietro c’era l’autovettura del proprietario del capannone. L’uomo, pochi istanti prima, era riuscito a raggiungere il camion e, attirando l’attenzione degli occupanti, a farlo fermare. Appena aveva rivendicato la proprietà del materiale ferroso presente sul cassone, gli occupanti erano scesi dal camion e, per assicurarsi il profitto illecito, avevano iniziato a minacciare pesantemente l’uomo. In particolare, mentre Anna Rita Iacobazzi e Gianna Caraccio profferivano parole minatorie, Giovanni Battista Valentino era arrivato ad afferrare un tubo metallico con il quale aveva tentato di colpire la vittima del furto la quale li aveva avvertiti di aver già allertato i Carabinieri.

Udito ciò i tre, senza smettere il loro comportamento intimidatorio, avevano immediatamente scaricato dal cassone del camion quanto asportato a Corsano.

Proprio mentre finivano di disfarsi della refurtiva sono intervenuti i Carabinieri che li hanno bloccati ed accompagnati presso la caserma di Alessano.
I tre ora si trovano presso le loro abitazioni di Casarano agli arresti domiciliari.

 

Christian Petrelli
[widgetkit id=181]

 

 

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

cinque × tre =