L’ennesima disfatta del Lecce maturata sul campo del San Marino ha scatenato l’ira del presidente giallorosso Savino Tesoro. Nel post gara il numero uno della società salentina ha espresso tutto il suo rammarico ai microfoni di Tele Rama: “Ci sono diversi giocatori che non stanno dando nulla alla causa giallorossa.

In questo momento siamo bloccati sul mercato perché ci sono tesserati che percepiscono stipendi onerosi senza giocare. Spero che questi calciatori abbiano un minimo di coscienza e vadano via perché ostruiscono il nostro progetto”.

 

Il presidente ha poi fatto i nomi dei giocatori in questione: “Ferrario, Giacomazzi e Legittimo hanno offerte da vari club ma rifiutano ogni tipo di destinazione pur di godersi lo stipendio. Per quanto riguarda la posizione di Lerda preferisco riflettere e parlare domani a mente fredda”.

Le dichiarazioni al tritolo di Tesoro hanno preceduto le impressioni a caldo di un ospite d’eccezione: l’ex tecnico Serse Cosmi.

L’allenatore perugino ha commentato la debacle della sua ex squadra dagli spalti del “Serravalle”: “la vittoria del San Marino è stata meritata perché hanno sbagliato pochissimo. Chi affronta il Lecce in questa categoria da sempre il massimo, ma una squadra con i mezzi tecnici di cui dispone Lerda non può andare in contro a simili risultati. Serve personalità e carattere e talvolta le qualità non bastano a portare a casa la vittoria. Ho visto un Lecce senza la giusta mentalità”.

Le dichiarazioni di Tesoro e Cosmi hanno fatto a cazzotti con l’euforia di mister Acori: “siamo stati ordinati per 90 minuti e siamo stati bravi a sfruttare le occasioni che ci siamo create. Abbiamo disputato un grande primo tempo, mentre nella ripresa ci siamo difesi con raziocinio dando vita a delle buone ripartenze. La vittoria odierna ci trasmette grandi iniezioni di autostima per il prosieguo della stagione. Credo ancora che il Lecce potrà vincere il campionato anche avrà nel Trapani una temibile outsider”.