In materia di revisione del classamento catastale l’attenzione dei più sembra soffermarsi sulla frenetica attività di proposizione dei ricorsi – dichiarano gli avvocati Alessandro Gallucci e Valentina Papanice, dell’osservatio Aduc di Lecce –  ma c’è un aspetto che merita

di essere sottolineato e che lascia più di qualche incertezza. Nonostante “si sia sparsa la voce” che gli aumenti delle imposte per chi ha ricevuto la notifica dell’avviso di accertamento nel 2013 scatteranno dal 2014, non pare che le cose stiano proprio in questo modo. Anzi; le leggi istitutive dell’IMU sembrano portare ad una conclusione opposta ma ci sono alcune leggi finanziarie precedenti a rendere la situazione grandemente incerta. Di ciò sembra che ne siano consapevoli anche all’ufficio tributi del Comune di Lecce. Nei giorni scorsi, informalmente, alcuni cittadini hanno chiesto agli sportelli di quegli uffici come si stiano orientando per il calcolo IMU, alla luce della revisione del classamento catastale. La risposta, a quanto ci è stato riferito, è stata interlocutoria, ossia: aspettare l’esito del ricorso al TAR e, se fino giugno non se n’è saputo nulla, aggiornarsi per quella data. Allora abbiamo chiesto ufficialmente a quell’ufficio una risposta. Ma alle due e-mail che abbiamo inviato lo scorso venerdì, per motivi diversi, non riceveremo (per la prima) e non abbiamo ancora ricevuto (per la seconda) alcuna risposta.
Dovesse perdurare questo silenzio, per gli utenti che si stanno rivolgendo ai nostri sportelli, proporremo un interpello ufficiale all’amministrazione comunale. Siccome la questione è di primaria importanza per le tasche dei cittadini, non sarebbe forse il caso, vicende giudiziarie a parte, che l’ufficio tributi desse una risposta chiara e generale?

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

otto + dodici =