Debutto giovedì 21 febbraio nel piazzale dello Stadio Comunale per il circo guidato dalla direzione artistica di Marina Orfei, che porta uno spettacolo tutto nuovo dal titolo “Artist in The Dreams”.

Il tour del circo Orfei ripercorrerà 200 anni di storia dell’arte circense, dando spazio alle esibizioni più storiche come i saltimbanco, attraverso un magico percorso che culminerà con i numeri più moderni. Circondati dall’atmosfera originale e storica del circo, persino con le vecchie gradinate in legno, il pubblico potrà assistere alle performance di fachiri, equilibristi, giocolieri e molte altre esibizioni dei grandissimi artisti di fama nazionale e internazionale che completano lo spettacolo. Ad aprire la serata sarà Dania Biasini, artista di grande prestigio che darà il via con lo spettacolo degli asinelli, uno di quei numeri che da anni ormai non fa più parte delle scalette dei circhi. A presentare sarà David Edward’s, attore cinematografico e teatrale che è anche sceneggiatore dello spettacolo.
David ha presenziato anche alla conferenza che si è tenuta questa mattina presso il Grand Hotel di Lecce, presentando lo spettacolo e rispondendo anche alle recenti polemiche scaturite dalla proposta dell’assessore Andrea Guido sul vietare l’ingresso nella città di Lecce ai circhi che hanno animali. Nel circo di Marina Orfei infatti, non possono mancare gli spettacoli equestri e a tal proposito David Edward’s ha replicato spiegando quanta cura, amore e dedizione ci sono per gli animali che “preferiamo chiamare artisti a quattro zampe. Noi infatti, invitiamo i leccesi a vedere coi propri occhi quanto affetto e stima c’è per loro e invito a conoscerli tutti. Io non vorrei generalizzare le questioni però nel nostro caso, abbiamo persino da poco avuto una nuova generazione di yak, animali che di solito vengono uccisi perché le loro corna servono per le Cadillac e noi invece abbiamo avuto la terza.”
Il cast degli artisti “a due zampe” invece, è composto tutto da giovani tra i 20 e i 30 anni che hanno voluto continuare la tradizione di famiglia e che “è una categoria di persone molto umili, disposte a tanti sacrifici e a duri allenamenti che li hanno resi grandi artisti. Non dimentichiamo che le famiglie circensi Togni, Orfei, Bellucci hanno portato l’arte circense in tutto il mondo e al cinema. E noi qui vi invitiamo ad apprezzare l’arte circense allo stato puro. Spero che i leccesi, che ogni volta ci dimostrano un grande affetto, anche quest’anno ci daranno grandi soddisfazioni.”
Appuntamento quindi a giovedì 21 con il primo spettacolo alle 17.30 e poi con il successivo alle 20.30 per lasciarsi guidare dalle magie dei maestri circensi.

Questa la lettera aperta dell’assessore Andrea Guido a Marina Orfei: Da diverso tempo lo spettacolo circense è messo sotto accusa dalla crescente sensibilità dei cittadini nei confronti dei diritti degli animali, sensibilità divenuta ormai vera e propria acquisizione culturale. Questo nonostante il circo sia apprezzabile per i contenuti artistici rappresentati da clown, giocolieri, acrobati, trapezisti e illusionisti. Succede spesso, in effetti, che gli animali, per la loro intera esistenza, siano obbligati in angusti spazi, trasportati all’interno di veri e propri container in condizioni non proprio adeguate, in molti casi con l’ausilio di mezzi coercitivi, e siano costretti ad seguire a comando, sotto il giogo della frusta, esercizi contrari alla loro natura. Non è questo il caso del Circo di Marina Orfei, appena attendato in città, o almeno spero che non lo sia, ma comunque è mio dovere porre l’attenzione su determinati aspetti. Il fatto che il Parlamento italiano, di recente, con la proposta di Legge dell’On. Gabriella Giammanco (Pdl) dal titolo “Norme per la graduale dismissione dell’uso di animali da parte dei circhi e per il sostegno dello spettacolo circense” stia finalmente mettendo mano alla materia è un segnale importante di apertura, sulla scia peraltro già tracciata a livello europeo, ove sono 15 i paesi che totalmente o parzialmente vietano che si esibiscano animali nei circhi. In Francia ed Inghilterra, ad esempio, il circo senza animali è una realtà, ma anche nel nostro Paese si incominciano a muovere i primi passi. Pensiamo alla Regione Emilia Romagna che ha adottato una delibera di giunta in tal senso, o alla sentenza del TAR Lazio che ha respinto il ricorso presentato dal circo ‘Amedeo Orfei di Lino Orfei’ che chiedeva l’annullamento del regolamento a tutela e rispetto degli animali del Comune di Ciampino. O, ancora, senza andare troppo lontano, non possiamo ignorare il buon esempio che arriva dal Comune di Galatina o da quello di Brindisi.
Mi auguro che clown, maghi, acrobati e trapezisti tornino alla ribalta, per un circo più etico e più poetico. E che lo splendido esempio del circo più grande e famoso di tutti i tempi, il canadese Cirque du Soleil, il quale non ha mai utilizzato animali, possa essere preso come modello da un numero sempre più numeroso di compagnie.
Non riesco a capire come l’Ufficio Stampa Orfei possa aver definito “calunniose e diffamanti” alcune mie dichiarazioni che giammai si sono riferite a qualche compagnia in particolare, tanto meno al loro circo. E mi rammarica prendere atto dei loro attacchi secondo cui sarei stato definito “incompetente e ignorante in materia”. Con ogni probabilità sono loro che dovrebbero aprire gli occhi e volgere uno sguardo attento a quello che sarà il futuro della tradizione circense, visti i risultati in materia di regolamentazione giuridica ottenuti negli altri paesi e in moltissime città italiane. L’Italia con i suoi cento circhi, rappresenta uno dei paesi europei con la più alta concentrazione di spettacoli circensi. Eppure si tratta di uno spettacolo in costante declino: gli incassi diminuiscono, il pubblico si allontana perché ha iniziato a considerarlo uno spettacolo altamente diseducativo, soprattutto per i bambini, che lo vedono come una vera e propria sopraffazione del più forte nei confronti del più debole, dell’uomo sugli animali. Se si vogliono far conoscere veramente gli animali ai bambini, è meglio far vedere loro dei documentari, leggere dei libri o navigare su internet. Un’altra soluzione è quella di prenotare una visita guidata presso un centro per la tutela e il recupero della fauna, dove spesso finiscono gli animali sequestrati dal Corpo Forestale dello Stato per maltrattamento negli zoo e nei circhi.
Gli animali dei circhi non hanno nulla in comune con i loro simili che vivono in natura: completamente snaturalizzati, privati nel modo più violento delle loro esigenze biologiche ed etologiche, ridotti ad automi e ridicolizzati per il nostro divertimento, conoscono solo la tristezza e il terrore. Gli animali vengono mortificati in tutti modi per essere assoggettati alla volontà dell’uomo. Dietro gli esercizi dello spettacolo circense si nascondono mesi di privazioni, maltrattamenti e sofferenze.
Ignorerò le accuse del circo di Marina Orfei, forte del sostegno delle associazioni animaliste leccesi che mi hanno già comunicato il loro pieno e totale appoggio in questa battaglia e andrò avanti con l’iter avviato in Consiglio Comunale e che ha già visto l’approvazione della mozione del Consigliere Daniele Montinaro, capogruppo della compagine Grande Lecce, presentata durante l’ultima seduta.
Se Lecce si propone come punto di riferimento culturale non solo nel panorama regionale, ma in quello nazionale ed europeo non può accogliere di buon grado chi sfrutta queste povere bestie per diletto.

 

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.