Davanti ad un Pala Giannone da sold-out, l’Andrea Pasca Nardò mette k.o. anche l’altra antagonista di questo campionato di C regionale, il forte Ruvo firmando una vera e propria grande impresa, vista l’inerzia di gara che sorrideva agli ospiti sino al minuto 30′.

Gli uomini di coach Stefano Manfreda, grazie ad uno stratosferico quarto periodo e ad una difesa tornata sugli scudi, riesce a ribaltare il punteggio e a mettere altro fieno in cascina, allungando a +4 ora sulle inseguitrici, vista anche la sconfitta di Ceglie tra le mura amiche contro l’Eagles Brindisi.
La gara, gli ospiti sin ora imbattutti in questo girone di ritorno, cercano la rivincita dopo il 70-79 Nardò dell’andata. Ma di acqua sotto i ponti sono passate per entrambe le formazioni, visto che Ruvo ha optato per il terzo allenatore ossia Roberto Mangione ex Corato (B2) e anche qualche innesto di qualità. Ruvo che si presenta alla prima palla-due con: Di Salvia, Serazzi, Perrucci, Dukanovic e Piarulli. Coach Manfreda risponde con il solito quintetto di partenza: Colella, Spada, Manca, Bjelic e Dell’Anna D.
Avvio di marca ospite, primo break 0-4 con Perrucci ed il montenegrino Dukanovic. Riccardo Spada rompe il ghiaccio per un Nardò, non del tutto in palla nei primi 4′ minuti di partita, tantè che Ruvo vola sul 2-12 e il coach neretino chiama time-out. I granata, rientrano in campo cercando di ritornare sul binario giusto di gara. Goran Bjelic e Daniele Dell’Anna suonano la carica. Ruvo risponde con i pezzi pregiati capitan Serazzi dai 6.75 m manda in orbita i suoi, mentre Di Salvia e Perrucci non stanno certo a guardare. Per il Nardò, Bjelic risponde al connazionale Dukanovic, successivamente Alessandro Manca firma il -9 a fine primo quarto: 19-28.
Secondo quarto, stessi primi cinque in campo per Nardò, che ricomincia con piglio diverso il secondo quarto. Manca è scatenato 2/2 dai 6.75 m che infiamma il Pala Giannone, trovando però mala sorte sotto le plance dove in più occasioni Bjelic e Colella sbattono sul ferro. Ma Nardò non si scompone e racimola punti agli ospiti con un ispirato Spada e anche al neo entrato Giuseppe Ferilli che fa 2/2 ai liberi e 1/2 dal campo. Ma la squadra di coach Mangione è in gran serata, Perrucci si supera, mettendo a referto 6 punti pesanti dalla lunga distanza che sembrano spezzare le gambe ai locali, giunti inizialmente sul -4 e chiudendo la seconda frazione sul -7: 37-44.
La ripresa, la contesa diventa entusiasmante con le due squadre che si sfidano sino all’ultimo colpo. Nardò che ritrova la mente del gioco in Michele Colella, l’arma in più per questo Nardò nella ripresa. Colella sforna assist a quantità industriale per le punte di diamante: Spada, Manca, Bjelic e Dell’Anna. Saranno 12 gli assist del regista neretino a fine gara con il proprio tabellino che inizia a sbloccarsi. La formazione di coach Manfreda, non può che quindi giovarne nel ritrovare la marcia in più Colella. Coach Manfreda pesca dal cilindro Davide Ferilli, tra il boato del pubblico neretino, e cambia l’assetto difensivo passando a zona. Il mastino Ferilli recupera tre importanti palloni in difesa, mandando in orbita Colella, Spada e Bjelic. Sembra essere il preludio al sorpasso neretino, subito smorzato dalla banda Serazzi-Dukanovic 13 punti in due nel terzo quarto. Michele Colella nel finale riaccende la fiammela nel tifo granata, con i propri beniamini che chiudono sul -7 il terzo quarto: 56-63, ma guardando con più fiducia al quarto periodo davanti ad una cornice di pubblico degna di nota.
Ultimo quarto, Nardò in campo con: Colella, Ferilli D., Ferilli G., Bjelic e Dell’Anna D. Pronti-via ed è subito Nardò trascinato da Bjelic e Colella. Gli ospiti inziano a perdere pezzi con Dukanovic che abbandona la contesa per il quinto fallo personale. Bomber Alessandro Manca (12 punti nel quarto periodo)  firma prima il 70-71 e poi il sorpasso 73-71. Ruvo subisce l’onda d’urto di un Nardò inferocito. Colella fa 1/2 ai liberi, mentre Bjelic firma il 76-71. Di Salvia fa tornare vecchi fantasmi, dai 6.75 mette a segno il 76-74. Nardò, non demorde e continua a bombardare l’avversario, ancora con l’imprendibile Manca (78-74). Ruvo raggiunge bonus di falli, Giuseppe Ferilli fa 1/2 mentre Goran Bjelic fa 2/2, 81-74. A nulla serve il canestro del -5 Ruvo segnato da Di Salvia e al suono della sirena finale Nardò festeggia. Quinta vittoria consecutiva dell’Andrea Pasca Nardò del presidente Carlo Durante chiudendo in grande stile il mese di Febbraio, segnato da cinque importanti vittorie e dal raggiungimento della vetta. Vetta solitaria con quattro punti di vantaggio sulle inseguitrici Ceglie e Ruvo cadute nella bolgia del Pala Giannone, vero e proprio sesto uomo quest’oggi.
Andrea Pasca Nardò che ora si gode questi altri due importantissimi punti incamerati e da martedì si volta pagina in vista del testa-coda di sabato a Brindisi, sponda Assi.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

dodici − dieci =