I dati della cassa integrazione a gennaio 2013 indicano un balzo in avanti della crisi del lavoro. A rilevarlo è lo studio effettuato dalla Uil (Servizio Politiche del lavoro e Formazione) sugli ultimi dati Inps: rispetto a gennaio 2012, +61,6% di ore autorizzate a livello nazionale e +115,1% in Puglia.

Anche il raffronto ravvicinato con dicembre 2012 indica un rialzo della cassa integrazione: +2,7% a livello nazionale, +17,2 % in Puglia.
A livello provinciale, Lecce registra invece un netto calo delle ore di cig complessivamente autorizzate: sono 156.913 a gennaio 2013, contro le 503.345 ore di dicembre (-68,8%). “Una riduzione drastica – spiega il segretario generale Uil Lecce, Salvatore Giannetto – che fa presumere una richiesta debole da parte delle aziende più per l’incertezza della normativa e delle risorse alla stessa destinate, che a una riduzione reale delle richieste”.

In particolare, le ore di cig in deroga autorizzate nel primo mese di quest’anno ammontano a 1.380, contro le 503.345 ore di dicembre (-99,3%). “E’ fondamentale – sostiene Giannetto – monitorare l’andamento della cassa integrazione in deroga, alla luce delle possibili sofferenze di natura finanziaria che potrebbero emergere nel 2013. Sebbene il Ministero del lavoro, a seguito delle forti pressioni esercitate dai sindacati nelle ultime settimane, abbia assicurato la copertura delle ultime mensilità non pagate del 2012 e garantito un primo acconto per il 2013 alle Regioni – evidenzia -, è facilmente prevedibile che l’ammontare delle risorse previste dalla Legge di Stabilità non saranno sufficienti. Si è giunti infatti ad una soluzione che giudichiamo importante per allentare le tensioni, ma certamente non risolutiva. Con una crisi che colpisce l’occupazione in maniera pesante, come dimostrato anche dal preoccupante incremento del 14,6% delle richieste di indennità di disoccupazione tra il 2011 ed il 2012, è necessario evitare ulteriori beffe in aggiunta al danno di avere un posto di lavoro a rischio”.
Proprio nei giorni scorsi, lo ricordiamo, la Uil Puglia aveva minacciato di ritirare la firma dall’accordo sulla cig in deroga sottoscritto alla Regione in attesa di sviluppi positivi, per i lavoratori e per le loro famiglie. “Ora ci aspettiamo che il Governo chiuda definitivamente la questione – sottolinea Giannetto – utilizzando ulteriori risorse per coprire la dotazione finanziaria degli ammortizzatori sociali in deroga per tutto il 2013. Ancor più importante, però – conclude – è che lo stesso Governo cominci a mettere in campo misure di crescita tangibili, investendo concretamente sulle politiche del lavoro per dare risposte in primis ai giovani e alle migliaia di ‘esodati’ che oggi si trovano in una situazione disperata: senza lavoro e senza futuro”.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

venti − 11 =