Equitalia è «irraggiungibile» dal telefono. Non è più possibile, infatti, contattare le sedi territoriali.La direzione generale di Lecce, in via Dalmazio Birago, ha cambiato il proprio gestore telefonico e non ha aggiornato i propri contatti.

Sul sito si legge ancora il vecchio numero (0832.33.51.11) che risulta inesistente sia da telefonia fissa sia da telefonia mobile.

Non ci sono, perciò, alternative al numero verde (800.178.078) per chiamare da telefono fisso e allo 02.3679.3679 per chiamare da cellulare o dall’estero. Ma in entrambi i casi, le funzioni sono quasi tutte automatizzate. Parlare con un operatore diventa, così, sempre più difficile. Quando si ha la fortuna di prendere la linea, dopo una lunga e paziente attesa, l’addetto fornisce, per poter comunicare con la direzione provinciale, lo stesso numero (0832.33.51.11) ormai inattivo. Per giunta, gli sportelli territoriali hanno disattivato i propri numeri.

«Abbiamo ricevuto diverse segnalazioni da parte delle nostre aziende – spiega il direttore di Confartigianato Imprese Lecce, Amedeo Giuri – I disservizi di Equitalia sono gravi ed ingiustificabili, soprattutto in questo difficile momento congiunturale. Le imprese e le famiglie – aggiunge – hanno la necessità di interloquire con chi pretende il pagamento di una cartella esattoriale. Equitalia, da parte sua, non può e non deve sottrarsi al confronto o, in taluni casi, al contraddittorio, “schermandosi” dietro numeri inesistenti».

In particolare, «chi vuole avere chiarimenti sulla propria posizione debitoria, ha bisogno di informazioni utili per presentare ricorso o vuole calcolare il proprio piano di rateazioni, deve essere messo nelle condizioni di comprendere bene le diverse soluzioni possibili e non può non riuscire a interloquire con Equitalia, se non recandosi presso gli Uffici. Per questo – conclude il direttore – chiediamo ad Equitalia di non “nascondersi” e di dare alle aziende e a tutti gli utenti la possibilità di essere raggiunta anche per telefono».

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.