Un abbreviato ed un rinvio a giudizio per la presunta estorsione nell’ambito della gara d’appalto per la stagione 2010 al Politeama Greco di Lecce, gestito dalla Fondazione Ico Tito Schipa.

Accusati di estorsione, si sono presentati oggi davanti al gup Giovanni Gallo, Antonio Ferreri e Piero Morelli, dipendenti della cooperativa “Bell’opera” che si occupa della gestione della macchina teatrale del Politeama (stagione lirica e sinfonica).

Nel 2010, insieme avrebbero costretto un altro dipendente, che aveva vinto la gara presentando un’offerta ad un prezzo molto vantaggioso, a rinunciare all’appalto.

La presunta vittima però ha sempre negato l’estorsione.

Nelle scorse ore, Morelli, che ha scelto di andare a dibattimento, è stato rinviato a giudizio. Si dovrà presentare il 4 giugno davanti alla seconda sezione monocratica del Tribunale di Lecce.

Ferreri, che invece ha scelto il rito abbreviato, sarà giudicato a partire dal 22 marzo prossimo.

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.