Ferì il titolare di una tabaccheria con un colpo di pistola dopo aver compiuto un assalto a mano armata. Antonio De Cagna, 36enne di Scorrano, è stato condannato in abbreviato a quattro anni di reclusione dal gup Antonia Martalò con le accuse di rapina aggravata

, lesioni aggravate e porto abusivo di arma da fuoco. L’assalto risale al 24 settembre scorso e si verificò alla periferia di Maglie. Donato Bello, 36enne, titolare della tabaccheria, infatti, rimase ferito alla coscia sinistra da un proiettile che gli perforò la gamba. Venne anche ricoverato presso l’ospedale di Scorrano con una prognosi di 30 giorni. Il rapinatore, dopo un’indagine piuttosto veloce, ormai braccato, venne arrestato alcune ore dopo a Scorrano mentre passeggiava in bici per le vie del paese. Nel corso della perquisizione all’interno della sua abitazione, i carabinieri scovarono un passamontagna e la tuta da benzinaio utilizzate per compiere il raid in tabaccheria. L’uomo, intanto, nella giornata di ieri, ha ottenuto gli arresti domiciliari da scontare in una Comunità di recupero.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

tre × tre =