Terrore a Carmiano, nella tarda serata di ieri, dove un commando armato di quattro persone, dopo avere sequestrato un gioielliere per circa un’ora, hanno ripulito la cassaforte della sua attività, la gioielleria “De Lumè”, a Copertino.

I banditi sono entrati in azione nella tarda serata,  quando a bordo di una potente Audi A6 hanno speronato il titolare, il 23enne Simone De Lumè, che stava facendo rientro a casa da Copertino. Ad un certo punto, l’assalto.
I banditi, speronata l’auto del 23enne, sono scesi subito dall’auto ed hanno intimato al giovane di scendere dall’auto. Appena il ragazzo è sceso, i malviventi gli hanno infilato un cappuccio scuro in testa e lo hanno caricato sull’Audi, mentre un altro bandito si è messo al volante della Punto del gioielliere.
I malviventi hanno portato il giovane in un casolare di campagna, dove è stato costretto a rivelare i codici del sistema d’allarme della gioielleria e la combinazione della cassaforte. Intuendo che la sua vita fosse in serio pericolo, De Lumè non ha opposto resistenza ed ha dovuto svelare i codici segreti.
L’attività è stata poi raggiunta da due dei quattro malviventi, mentre gli altri sono rimasti a fargli da “guardia”. In circa mezz’ora, i banditi sono riusciti a ripulire la cassaforte della gioielleria e a trafugare ori e gioielli, oltre ad argenteria varia. Il bottino è notevole.
I malviventi hanno rilasciato l’ostaggio solo quando il colpo era ormai andato a segno. De Lumè è poi riuscito a raggiungere la stazione dei carabinieri, dando l’allarme.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

tre × tre =