A Shama, sede del comando del settore ovest di Unifil, il contingente italiano in Libano, per lo più rappresentato dal personale della brigata aeromobile Friuli e dal personale del 66° reggimento fanteria aeromobile ”Trieste” di Forli’

, ha ricordato il caporal maggiore capo Francesco Currò di Messina, il primo caporal maggiore Francesco Paolo Messineo di Palermo e il primo caporal maggiore Luca Valente di Gagliano del Capo, deceduti in un incidente in Afghanistan il 20 febbraio dello scorso anno.

Il comandante del contingente italiano, generale Antonio Bettelli, ha voluto cosi’ ricordare i tre militari e ha contattato il Colonnello Francesco Randacio, comandante del 66° reggimento, già comandante della Task Force Center alla quale i tre soldati appartenevano, rinnovandogli le condoglianze ad un anno di distanza dalla tragedia.

L’incidente è avvenuto a sud-ovest di Shindand durante un’operazione di soccorso ad un altro mezzo rimasto bloccato dalle avversita’ meteorologiche

Foto repertorio

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

dieci − 3 =