Confermate anche in Appello le condanne a carico di Pierluigi Vantaggiato, di 29 anni e Antonio Peluso, di 35, entrambi di Porto Cesareo, condannati ad un anno e mezzo di reclusione con l’accusa di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti.

Vantaggiato, a differenza di Peluso, ha potuto beneficiare della sospensione della pena. I due vennero fermati nella tarda serata del 12 novembre scorso. I militari, insospettiti da un’Audi A3 in transito in via Pellico, fermarono l’auto e procedettero alla perquisizione sia del mezzo sia degli occupanti, rinvenendo 50 grammi di marijuana divisi in piccole dosi, pronte per la vendita. Furono trovati anche 310 euro in banconote di piccolo taglio, probabili provento di affari illeciti già andati in porto. Nel corso degli interrogatori, i due giustificarono il possesso della sostanza per uso esclusivamente personale e destinato ad essere utilizzata nel corso di una festa dove i due si stavano recando. La difesa, rappresentata dagli avvocati Riccardo Giannuzzi e Giuseppe Bonsegna, hanno già annunciato di voler ricorrere in Cassazione per impugnare la sentenza di secondo grado.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

uno + 18 =