Dopo una relazione durata un paio d’anni, la storia d’amore finisce male tra i due fidanzatini e lui incomincia a molestarla e a tampinarla. Un giovane di Nardò, R.L., di 22 anni, dovrà comparire dinanzi al Tribunale di Nardò nel prossimo mese di maggio dopo che il sostituto procuratore Paola Guglielmi

ha disposto il decreto di citazione  a giudizio dell’imputato. L’indagine venne avviata agli inizi del 2011 quando la giovane ragazza decise di denunciare l’ex ragazzo raggiungendo gli uffici della caserma dei carabinieri di Nardò. Secondo quanto emerso, per tutto il 2009 fino all’anno successivo, nonostante la relazione si fosse interrotta, il 22enne avrebbe messo in atto il classico copione dello stalker: l’avrebbe più volte minacciata insultandola pesantemente  e tampinandola con continui messaggi e telefonate. Una situazione insostenibile per la ragazza che avrebbe subito pesanti ripercussioni a livello mentale per quel corteggiamento ormai molesto. Da qui la decisione di denunciare il fidanzatino. R.L., ascoltato dal magistrato inquirente, assistito dal suo legale di fiducia Ezio Maria Tarantino, ha negato categoricamente di aver adottato un atteggiamento persecutorio nei confronti della ex. L’apertura del processo accerterà come siano andati effettivamente i fatti.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

12 − 9 =