Una scritta sui muri dell’ex stabilimento Mokaffè di via  Leuca a Castromediano  contro il Procuratore Cataldo Motta, è comparsa ieri mattina. “Morte a Motta” era stato scritto con uno spray di colore nero, che  due dipendenti del comune di Cavallino hanno provveduto a cancellare.

Sono intervenuti immediatamente i carabinieri di Cavallino, di Lecce e i Ros, che si stanno occupando del caso.

“Piena e convinta solidarietà al Procuratore di Lecce, Cataldo Motta, oggetto ancora una volta di intimidazioni e minacce. E’ chiaro che il suo quotidiano impegno nella lotta alla criminalità organizzata che tanti risultati positivi ha già dato e darà ancora in termini di arresti e sequestri, sta minando alle fondamenta queste organizzazioni. Ed è per questo che sentiamo il dovere di rinnovare fiducia e sostegno al Dottor Motta, affinchè continui caparbiamente a restituire serenità, legalità e sicurezza ai cittadini del Salento dimostrando con i fatti che lo Stato è più forte”. Ha dichiarato in una nota il capogruppo del Pdl alla Regione Puglia, Rocco Palese.

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

quindici + 7 =