Ricorre oggi la giornata europea dedicata alla sicurezza informatica. In 90 paesi della Comunità Europea, le Forze di Polizia impegnate in questo settore hanno organizzato incontri nelle scuole per affrontare il tema della “navigazione sicura su internet”.

In Italia, la Polizia Postale e delle Telecomunicazioni sta tenendo in tutti i capoluoghi di provincia delle conferenze sul tema. La scuola scelta per l’iniziativa è stata, nella provincia di Lecce,  la Scuola Media “Ascanio Grandi” i cui studenti delle terze classi questa mattina hanno assistito ad una conferenza tenuta dagli investigatori del web
L’iniziativa si inserisce nell’ambito del progetto “Buono a sapersi” , nato dalla collaborazione tra Google e la Polizia Postale e delle Telecomunicazioni, che si prefigge l’obiettivo di aiutare gli utenti della Rete a navigare in piena sicurezza ed a gestire con consapevolezza e controllo i dati condivisi online.
Numerose scuole del capoluogo e della provincia hanno già partecipato ad incontri con i Poliziotti delle Telecomunicazioni che hanno cercato di insegnare ai ragazzi a sfruttare le potenzialità comunicative della rete e delle comunity online senza incorrere nei rischi connessi alla violazione della privacy altrui e propria, al caricamento di contenuti inappropriati, alla violazione del copyright e all’adozione di comportamenti scorretti o pericolosi per sé o per gli altri.
Mai come in questo periodo si rende necessario far acquisire alle nuove generazioni, che sono tra i fruitori più assidui della rete, consapevolezza dei pericoli che essa comporta, la scarsa conoscenza dei quali è causa della commissione a volte inconsapevole di numerosi reati.
Solo nel 2012 e limitatamente alla nostra regione, la Polizia Postale ha portato a termine un’operazione anti pedofilia online con l’arresto dell’autore del reato, ha denunciato in stato di libertà 9 individui, ha monitorato 194 siti sospetti, ha effettuato 36 perquisizioni domiciliari e scoperto 4 siti web pedopornografici inseriti in black list.
Con la consapevolezza che la conoscenza dei pericoli nascosti nella rete possa aiutare a difendersi da essi ed a prevenire la commissione di condotte penalmente sanzionabili , gli operatori di questa specialità della Polizia di Stato da anni sono impegnati nella formazione dei ragazzi ed in qualche caso anche dei genitori  che, purtroppo, sono quelli meno consapevoli dell’importanza di educare i  minori ad un uso sicuro e responsabile della rete.

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

venti − 11 =