E’ iniziata nell’aula ‘Emilio Alessandrini’ del Tribunale di Taranto la requisitoria del pubblico ministero Mariano Boccoliero al processo per l’omicidio della 15enne Sarah Scazzi, uccisa il 26 agosto del 2010 ad Avetrana.

In aula sono presenti le due principali imputate, Sabrina Misseri, cugina della vittima, e Cosima Serrano, madre di Sabrina e zia di Sarah, accusate di concorso in omicidio volontario, sequestro di persona e soppressione di cadavere. Il processo e’ cominciato a gennaio dell’anno scorso e si e’ dipanato attraverso 37 udienze dibattimentali nel corso delle quali sono stati ascoltati numerosi testimoni, sia della difesa che dell’accusa. In aula sono presenti anche la madre di Sarah, Concetta Serrano Spagnolo, e Michele Misseri, zio di Sarah, marito di Cosima e padre di Sabrina, imputato soltanto di concorso in soppressione di cadavere che, invece, si autoaccusa del delitto, scagionando la moglie e la figlia. La requisitoria di Buccoliero proseguira’ anche domani quando potrebbero giungere le richieste di condanna. Il 4 marzo tocchera’ alla requisitoria del procuratore aggiunto Pietro Argentino.

CONDIVIDI