Senza sosta i controlli effettuati dai militari del Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Lecce in varie aziende, finalizzati al contrasto del lavoro nero. Il bilancio è di ventitre rapporti di lavoro in nero scoperti.

Su un totale di venticinque ispezioni eseguite, sessantatre sono state le posizioni lavorative esaminate dagli ispettori, riferite ad altrettanti dipendenti.  Di queste, ventitre quelle assolutamente “in nero” mentre, relativamente alle altre, sono in corso gli accertamenti del caso, al fine di verificare eventuali violazioni di legge ed elusioni contrattuali.
Le ispezioni sono state eseguite nel capoluogo di provincia e nei comuni di Matino, Lizzanello, Copertino, Carmiano, Salice Salentino, Tuglie, Carpignano Salentino, Casarano, Galatina, Poggiardo e Nardò ed hanno visto impegnati i militari del NIL della Direzione Territoriale del Lavoro di Lecce, diretta dal Dr Virginio Villanova.
A conclusione di indagini protrattesi per diverse settimane i militari hanno accertato una truffa perpetrata ai danni dell’INPS di Lecce da parte di un datore di lavoro operante nel settore dell’industria che aveva occupato illecitamente alcuni operai dopo averli egli stesso posti in mobilità. Per uno di essi, in particolare, l’INPS aveva sborsato l’ingente somma di ventiseimila euro a fronte di un periodo di occupazione in nero protrattasi a cavallo degli anni 2009-2010- 2011. Nello stesso stabilimento i militari constatavano, altresì, un’omissione contributiva di circa duecentosettantanovemila euro. Particolare inquietante la scoperta della tenuta di una contabilità doppia: una reale e relativa all’effettiva forza lavoro e l’altra fittizia, ad uso della contabilità “ufficiale”. L’esito degli accertamenti oltre che all’Autorità Giudiziaria è stato trasmesso, per quanto di competenza, sia all’INPS che alla G.d.F..
Due imprenditori edili sono stati denunciati all’A.G. anche per un episodio di distacco illegittimo di personale da una all’altra realtà produttiva, in violazione dell’art. 30, comma 1 del D. Lgs 273/2003 e s.m.i. (c.d. riforma Biagi) 
Nel corso dei controlli i Carabinieri del NIL hanno notificato settantaquattro sanzioni amministrative per un totale di € 99.080,00, relative alla cosiddetta “maxi sanzione” per lavoro nero, all’irregolare tenuta del Libro Unico del Lavoro, alla mancata consegna del contratto di lavoro e ad altre norme violate.
Per nove aziende è scattata la sospensione dell’attività imprenditoriale per impiego di lavoratori in nero in misura superiore al 20% di quello occupato, con un’ulteriore sanzione di € 1.500,00 che ogni datore di lavoro ha dovuto pagare per poter riprendere l’attività.
Recuperati alle casse dell’INPS € 54.324,00 di contributi evasi.
I datori di lavoro sanzionati sono stati inoltre segnalati anche alla G.d.F. per quanto di competenza, in merito agli illeciti fiscali e tributari che scaturiscono dal pagamento in nero delle retribuzioni ai lavoratori irregolari.

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

3 × 2 =