Slide_tribunale-aulaAvrebbe fatto uso dello scuolabus comunale e dell’auto Fiat Punto con la scritta “Polizia Municipale Terre di
Mezzo” per sopi esclusivamente personali e Bruno Venneri, 66enne, di Sanarica, ha patteggiato ad otto mesi di reclusione.
L’uomo ha patteggiatoi la pena dinanzi al gup Simona Panzera dopo che il suo avvocato difensore Vincenzo Blandolino aveva concordato la pena con il sostituto procuratore Antonio Negro. L’inchiesta venne condotta di carabinieri della Compagnia di Maglie e dai colleghi della stazione di Muro Leccese e Venneri, con un’ordinanza a firma del gip Vincenzo Brancato, finì anche agli arresti domiciliari. L’imputato reiteratamente e per periodi di tempo più o meno prolungati si sarebbe allontanato dal posto di lavoro senza alcuna autorizzazione, ed omettendo di dichiarare tali assenze ai fini del calcolo complessivo delle ore lavorative e della retribuzione. Le indagini vennero avviate nel mese dello scorso gennaio allorquando, nel corso dell’espletamento del normale servizio di controllo del territorio, i carabinieri ebbero modo di notare che in orario diurno, coincidente a quello che poteva essere il suo turno di servizio, Venneri era solito stazionare presso attività commerciali del piccolo comune di Sanarica o girare nello stesso centro abitato con la propria autovettura personale Fiat Ulysse, apparentemente per scopi privati.

F.O.