C’è Sant’Oronzo, il caffè col ghiaccio, il pasticciotto, Chevanton e pure Franco  Millelire. Vizi e virtù, personaggi e luoghi dei leccesi e dei salentini in scena nel video – scritto, diretto e prodotto da Giampaolo Morelli, l’ideatore di Party Rock Salento – che ieri sera è stato presentato al pubblico in occasione del suo lancio sul canale di Youtube.

“Beddhru Lecce Style” è un mix di ironia e derisione di tutto ciò che ci rende salentini e Giampaolo Morelli lo fa prendendo spunto dalla canzone di Psy “Gangnam Style”: mentre quella prende in giro i quartieri alti di Seul, la versione nostrana lo fa sui salentini e sulle loro fissazioni: dal caffè in ghiaccio all’amore per il mare e per la cucina nostrana. Sono quattro infatti, le scenette che contornano il momento musicale; i titoli si commentano da soli: “Il mare più bello della Puglia. Gargano”, “Cime de rapa”,  “Er caffè cor ghiaccio” e l’ultimo, il più atteso di tutti “Segni particolari. Beddhrissimo”, con un ironico sindaco a far da protagonista.
Nonostante il vento di polemiche, il Primo Cittadino Paolo Perrone, dimostra ancora una volta di essere una persona molto auto-ironica. E la sua passerella per la Galleria Mazzini che attira l’attenzione delle donne di passaggio, mostra le sue doti di attore e la sua voglia di mettersi in gioco.
Il Sindaco non ha presenziato ieri al lancio del video, nonostante gli applausi. Al suo posto l’assessore alla cultura Luigi Coclite che ha voluto rispondere alle critiche lanciate dall’opposizione e in particolare da Carlo Salvemini circa la partecipazione del Primo Cittadino al video.
“L’idea del Sindaco di mettersi in gioco e divertirsi è stato semplicemente un modo per essere vicino alla rete e ciò dimostra un’attenzione particolare al mondo giovanile. Quindi ben vengano queste proposte.
Questa seriosità di Salvemini è banale, il consigliere non ha colto il senso di questa iniziativa, formulando una critica a prescindere. Per una volta abbiamo davanti un modo sereno e allegro per parlare di questa città. Il video e divertente e originale e fa un po’ il verso a questa terra. La sua polemica non ha senso, perché non possiamo sempre e solo vederci per parlare delle grandi cose ma anche per segnalare la condivisione di un progetto come questo in cui ci sono arte e creatività.”

“Abbiamo realizzato un prodotto bello e interessante”, ha poi espresso l’ideatore Giampaolo Morelli. “Così com’è nato Parti Rock Salento, ci concentriamo su una nuova forma di comunicazione per i giovani, usando i social network e questo è un progetto che portiamo avanti con impegno e passione. Questa volta prendiamo in giro il Salento e lo facciamo con tantissimi ospiti, da Chevanton al Sindaco Paolo Perrone ad altri nostri colleghi come Frank Fava. E non vorrei che questa cosa diventasse una strumentalizzazione politica, anche perché tutte le autorità sono state molto carine e hanno voluto mettersi in gioco.”
Morelli si riferisce oltre che all’assessore Coclite che ha concesso le riprese nel teatro Paisiello, anche all’assessore provinciale alla cultura Simona Manca per i video in Provincia e Alessandro Dellinoci, assessore alle politiche giovanili che ha lanciato l’idea a Giampaolo Morelli.
Non a caso infatti, nel video si possono riconoscere numerosissimi posti del nostro Salento, che sono diventati protagonisti nei lunghi mesi di riprese: da Santa Cesarea Terme ad Otranto, San Foca e infine a Lecce, sul parcheggio del Centrum, nel teatro Paisiello, nell’Anfiteatro, in piazza S. Oronzo e in mille altri posti che diventano sfondo di questo simpaticissimo video.
C’è stato dunque tanto lavoro per questo prodotto che è stato quasi interamente autofinanziato dai suoi giovani realizzatori della Filarino Production che hanno collaborato con Morelli e che hanno messo tanto impegno per realizzare tutte le riprese, alcune delle quali si sono spinte fino a Roma. E il successo è già visibile sul canale Youtube: il video ha già raggiunto le 5910 visualizzazioni in meno di 24 ore.

Qui il link del video.

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

due × quattro =