Foto Antonio Castelluzzo

Politica_capone loredana 58 casL’assessore allo Sviluppo Economico della Regione Puglia Loredana Capone rivolge ai vertici della banca Monte dei Paschi di Siena chiare richieste in una lettera inviata a seguito delle numerose preoccupazioni che i lavoratori dell’unità territoriale salentina hanno rimostrato in occasione dell’ultimo incontro avvenuto lo scorso sabato.

Rivedere il progetto aziendale per evitare le esternalizzazioni. Intraprendere un nuovo cammino di dialogo e confronto all’insegna del rispetto reciproco tra tutte le parti coinvolte.

“I lavoratori salentini hanno paura – ha dichiarato l’assessore. Hanno paura per il loro futuro e per quello delle loro famiglie. È indispensabile, dunque, aprire ancora al confronto e chiarire, in modo definitivo, se può esserci una possibilità di evitare le esternalizzazioni”.

Lo scorso 4 marzo, 2.360 lavoratori avevano ricevuto comunicazione circa il loro inserimento nella nuova divisione da cui attingere per definire il futuro perimetro delle esternalizzazioni. L’accordo del 19 dicembre 2012 aveva stabilito, attraverso lo strumento dell’accesso al Fondo, un numero di uscite volontarie, fino al 31 dicembre 2017, pari complessivamente a 1.000 risorse.

“I lavoratori segnalano – continua Loredana Capone – che, dalle domande di adesione volontarie formulate, il numero delle unità è superiore di 660 rispetto alle esigenze dichiarate dall’Azienda e che, entro il 2019, le adesioni al Fondo raggiungeranno picchi di 3.500”.

“Si rende davvero necessario, insomma – conclude l’assessore – valutare soluzioni alternative al progetto iniziale delle esternalizzazioni anche perché, in un territorio già fortemente penalizzato in cui, ogni giorno, migliaia di lavoratori, pensiamo ad Adelchi, a Filanto, bussano alle porte della Prefettura per rivendicare i propri diritti, un progetto del genere impatterebbe in misura decisamente più pesante rispetto che in altri”.