Foto Antonio Castelluzzo

CRONACA_questura foto casÈ stato rintracciato ed accompagnato in carcere Mirko Monaco, 29enne leccese, destinatario dallo scorso gennaio di un ordine di carcerazione, dovendo scontare la pena di 3 anni, 10 mesi e 9 giorni. Il giovane, fratello di Giampaolo, alias “Gianni Coda”, ritenuto l’autore dell’omicidio di Antonio Giannone, ucciso a colpi di pistola il 6 aprile di quattro anni fa.

Nel corso della decorsa notte, gli uomini dell’Ufficio Prevenzione Generale della Questura di Lecce, durante lo svolgimento di un servizio di controllo del territorio, hanno rintracciato il 29enne, mentre se ne andava in giro in compagnia di altri giovani. Monaco era destinatario dell’ordine di esecuzione per la carcerazione, emesso dalla locale Procura Generale presso la Corte di Appello di Lecce, in esecuzione del Provvedimento restrittivo contrassegnato da N° SIEP 3/2013 della Procura Generale della Repubblica presso la Corte d’Appello di Lecce – Ufficio Esecuzioni Penali.

Dopo le formalità di rito, Mirko Monaco è stato accompagnato presso il carcere di Borgo San Nicola, a disposizione dell’autorità giudiziaria.

 

 

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

dieci − 4 =